Sab 28 Mag 2022
spot_img
HomePoliticaLA PROVINCIA DI COSENZA SULLE POLITICHE...

LA PROVINCIA DI COSENZA SULLE POLITICHE SOCIALI INTENDE RAFFORZARE IL SUO IMPEGNO

“Apprendiamo dalla stampa che la legge di bilancio 2019 sembrerebbe confermare gli stanziamenti degli anni precedenti per quanto riguarda le politiche sociali” dichiara in una nota il Presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci.

“Addirittura sarebbe stato aumentato di 100 milioni il fondo per la non autosufficienza destinato alle Regioni, che sale così a quasi 600 milioni, rispetto ai  447,2  del 2018. Le risorse del Fondo per la non autosufficienza sono attribuite alle Regioni, con un riparto che viene fatto sulla base della popolazione anziana non autosufficiente e di altri indicatori.
E’ sicuramente una scelta encomiabile da parte del Governo ma temo non sia sufficiente. Desidero fare mio l’appello del Presidente della Federazione italiana per il superamento dell’handicap, Vincenzo Falabella, che chiede di delineare un Piano dettagliato e Livelli essenziali di assistenza uguali per tutti, in modo da evitare disparità territoriali.
Nelle classifica delle regioni italiane sui numeri della presenza degli allievi disabili  la Calabria si colloca al decimo posto con 7.394 unità, 310 allievi in più rispetto all’anno scorso.  Questi numeri ci fanno capire l’importanza della sfida che dobbiamo affrontare.Come Provincia di Cosenza, su delega della Regione Calabria, ci occupiamo di politiche sociali negli istituti di istruzione superiore in collaborazione con i dirigenti scolastici cercando di dare risposte agli studenti con disabilità e alle loro famiglie.
In particolare, la provincia si occupa di fornire assistenza alla comunicazione ed all’autonomia da svolgersi con personale qualificato nelle istituzioni scolastiche e ai Comuni con il servizio di trasporto scolastico. 
Purtroppo, bisogna ancora percorrere molta strada affinchè la scuola di tutti sia in grado di accogliere ed intervenire sui bisogni educativi degli alunni con disabilità.
Accogliere un ragazzo disabile in una scuola significa molto di più che farlo entrare nell’edificio scolastico ma è anche e soprattutto accogliere il suo mondo intero: le sue aspettative, i suoi progetti, i suoi sogni e le sue ambizioni.
A livello di enti locali bisogna giungere ad un metodo più efficace ed efficiente per mappare i bisogni effettivi e riuscire a garantire nelle scuole un monte ore superiore di assistenza alla comunicazione e all’autonomia. Avevamo proposto come Provincia di Cosenza un progetto di censimento sul fabbisogno e sui reali numeri degli studenti portatori di handicap nei nostri istituti scolastici che, una volta reperiti i fondi, speriamo di potere avviare al più presto.
Questa mappatura ci permetterebbe di mettere in atto una programmazione più puntuale, più efficace e più capillare ma deve avviarsi anche un confronto che veda la partecipazione di tutti gli enti e le figure coinvolte.
Siamo disponibili a rafforzare il nostro impegno su una questione così importante e a breve convocheremo un incontro a cui inviteremo le varie associazioni del settore e la Regione Calabria da sempre attenta al tema.
In questa occasione, avvieremo la costituzione di un osservatorio sulle disabilità per cercare di dare risposta ai bisogni di un mondo troppe volte nell’ombra e per promuovere dignità e pari opportunità” ha concluso Iacucci.