Mar 2 Giu 2020
Advertising
Home Costume & Società Cultura Flavio Fabing e Francesco Iannuzzi protagonisti...

Flavio Fabing e Francesco Iannuzzi protagonisti del concorso internazionale “Giulia Brignone”

- Advertisement -

I DUE STUDENTI SONO, ENTRAMBI, DELL’ISTITUTO DE COUBERTIN DI RENDE

Ancora una volta protagonisti gli studenti della città del Campagnano.

In questa speciale classifica, una menzione speciale è stata attribuita alla filastrocca “Un albero giocherellone” scritta da Flavio Fabing e Francesco Iannuzzi, alunni della prof Carmela Formoso, frequentanti la Ic della scuola secondaria di primo grado De Coubertin di Rende. Si tratta del concorso letterario Accademia Giulia Brignone, con quasi 4000 brani pervenuti da tutto il mondo e, in particolare, da tutt’Italia. Il premio è stato consegnato nella Sala consiliare del Comune di Cisterna di Latina, la città dei butteri, ridente realtà accogliente e solare. L’evento, partecipato e condotto con garbo ed eleganza, ha visto la premiazione di tutte le categorie in concorso ed è stato cadenzato da esibizioni di musicisti e artisti.

Una bella giornata, i linguaggi dell’arte e della poesia dedicati al sorriso di Giulia, prematuramente andata via. “Flavio e Francesco sono due creature dolcissime che hanno negli occhi la luce vivida di chi vuole apprendere. Di chi vuole crescere. E proprio come gli alberi noi mettiamo radici nei terreni più svariati”, spiega a Gazzetta la prof Formoso.

“Una zolla si può dissodare attraverso piccoli colpi e seminarvi un seme incerto che le cure irrobustiscono. Le parole spesso restano in attesa di una pioggia emotiva che fa poi rifiorire bellissimi pensieri. Dovremmo cedere il passo agli alberi per spianare lussureggianti sentieri di racconti. Il sapore è custodito in ogni  frutto. Sia esso lucido e maturo o poco regolare e acerbo. Con la loro filastrocca e con il loro quotidiano lavoro mi regalano la gioia di sentirmi un “contadino” fortunato che raccoglierà preziosi frutti”.

Felicissimi, ovviamente, i due protagonisti.

Complimenti a tutti loro e, immancabilmente, ai docenti ed ai genitori che quotidianamente educano alla cultura i propri figli.

f.man.