Dom 29 Mag 2022
spot_img
HomePoliticaAmministrative di San Luca, ai due...

Amministrative di San Luca, ai due candidati il plauso di Oliverio

Stamattina il presidente della Regione, Mario Oliverio, ha contattato telefonicamente i due candidati a sindaco al Comune di San Luca, Klaus Davi e Bruno Bartolo.
Nel corso della conversazione telefonica, il presidente Oliverio ha espresso apprezzamento e incoraggiamento ad entrambi per la decisione di scendere in campo alle imminenti elezioni nel comune aspromontano.
“Dopo un lungo periodo di sospensione della vita democratica -ha detto Oliverio ai due candidati- consentire alla comunità di San Luca di tornare alle urne per decidere con il voto l’Amministrazione del Comune è un fatto che deve essere salutato positivamente, ancora più importante per una realtà che deve essere aiutata a riscattare la sua immagine attraverso un impegno democratico e culturale in direzione dell’affermazione della legalità e dei valori positivi dell’accoglienza e del rispetto della dignità delle persone. Grazie a questa decisione e a quanti vi sostengono in questa che sarà sicuramente una esperienza esaltante,- la democrazia e la partecipazione ritornano nel Comune di San Luca.” “A Klaus Davi -ha aggiunto- va dato atto di avere assunto un’iniziativa che ha contribuito ad interrompere una lunga stagione negativa per la democrazia, mettendosi in campo in prima persona. A Bruno Bartolo di avere accettato la sfida a dare un contributo importante per l’apertura di una stagione nuova in direzione del riscatto di San Luca.E’ una chiara ed importante inversione di tendenza, che può contribuire ad aprire nuove e positive prospettive per San Luca, il territorio della Locride e l’intera Calabria e che deve servire a scuotere le coscienze di quanti, animati da pessimismo, non hanno mai creduto e continuano a non credere che anche qui un cambiamento è possibile”. “Auguro, pertanto, ad entrambi -ha concluso Oliverio- che già a partire dalla campagna elettorale ci sia un largo coinvolgimento e partecipazione, nella convinzione che non può esserci sviluppo e non può affermarsi alcuna crescita al di fuori della legalità e della democrazia”.