Cosenza, incontro sulla prevenzione e cura delle malattie della tiroide

Cosenza prevenzione cura malattie tiroide
Pubblicità

“Occorre sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie della tiroide perché è necessario che ci sia sempre maggiore informazione e conoscenza”.

Lo ha detto la Presidente della Commissione consiliare sanità di Palazzo dei Bruzi e delegata del Sindaco Occhiuto per la salute pubblica, Maria Teresa De Marco, intervenendo alla giornata conclusiva della settimana mondiale della tiroide alla quale anche quest’anno ha aderito l’Amministrazione comunale.

Maria Teresa De Marco ha introdotto, nella sala capitolare del Chiostro di San Domenico, l’incontro sulla prevenzione e la cura delle malattie tiroidee, organizzato in tandem dall’Associazione Medici Endocrinologi, presenti la consigliera nazionale, dott.ssa Achiropita Pucci e la referente regionale, dott.ssa Annalinda Indrieri, e dall’Amministrazione comunale.  “In Italia – ha detto ancora Maria Teresa De Marco – oltre 6 milioni di persone, più o meno il 10%, sono affette da patologie tiroidee e, spesso, senza neanche sapere di averle. Il 2% soffre di ipertiroidismo e fino al 10-12% di ipotiroidismo, con una prevalenza di donne e di persone in età scolare. La tiroide – ha aggiunto la Presidente della commissione consiliare sanità – è una ghiandola sì piccola, ma essenziale per il benessere del nostro organismo. E’ come se fosse per noi una sorta di termostato. Sappiamo, inoltre, che le patologie tiroidee, nelle loro forme subcliniche, hanno importanti ripercussioni sull’apparato cardiovascolare, sul metabolismo osseo, sul ritmo del sonno e sullo sviluppo del sistema nervoso. C’è poi il problema della iodoprofilassi, lo strumento per correggere l’endemica carenza di iodio che affligge il nostro Paese e che è alla base di molte patologie della tiroide. Più in particolare, la carenza nutrizionale di iodio nel periodo fetale e neonatale espone il feto ed il neonato ad un aumentato rischio di sviluppare ipotiroidismo.

Noi, come medici, ma anche come istituzioni – ha affermato, inoltre, Maria Teresa De Marco – abbiamo un compito importante: mettere la salute al centro dell’attenzione, peraltro in un periodo di grave crisi della sanità e con le oggettive difficoltà a garantire adeguate azioni di prevenzione. Siamo mossi da un obiettivo comune che è quello di stare vicini ai cittadini ed è per questo che, come Comune, siamo stati promotori di molti eventi finalizzati proprio alla tutela del benessere della popolazione.

 Nel chiudere il suo intervento la Presidente De Marco ha, infine, chiesto ai medici che hanno promosso l’incontro sulle patologie della tiroide, di istituire una giornata di screening, come già avvenuto lo scorso anno, con valutazione clinica ed ecografica. Una richiesta che ha suscitato pieno accoglimento.

L’incontro è poi proseguito con i contributi scientifici sull’importanza della tiroide, sulle alterazioni della funzionalità tiroidea, sulla tiroide e la gravidanza e sulla patologia nodulare della tiroide, dei dottori Giuseppe La Rosa, Giovanni Filice, Annalinda Indrieri e Achiropita Pucci.

Pubblicità