Squash, i calabresi conquistano i primi posti in Italia

tartarone speranza bisignano
tartarone speranza bisignano
Pubblicità

Si sta concludendo con una cavalcata senza precedenti la stagione sportiva della Asd Squash Scorpion. Dopo aver conquistato il mese scorso 4 titoli giovanili e ad oggi in testa alla classifica del campionato a squadre con il binomio IGreco Scorpion, questo fine settimana presso il centro tecnico federale Figs di Riccione si sono disputati le finali nazionali del campionato di prima categoria, di eccellenza e Assoluti. Il tecnico Salvatore Speranza ha accompagnato nella trasferta romagnola Matteo Bisignano per i Prima categoria, Goffredo Scanga per gli eccellenza e Cristina Tartarone negli Assoluti.

Scanga nel tabellone eccellenza da 64 giocatori superati agevolmente i primi due turni agli ottavi di finale contro il Veneto Mattia Boniardi Zelaschi perdeva per 3 set a 1 e finiva nel tabellone dei recuperi, nel quale batteva nell’ordine Matteo Covini per 3 1, Andrea Marcotullio per 3 set a 2 e nella finalina per il nono posto Tiberio Negro per 3 set a 0.

Nel campionato di prima categoria maschile Matteo Bisignano superati i sedicesimi, negli ottavi batteva Flavio Vettori per 3 0, nei quarti Marco Riminucci sempre per 3 set a 0, in semifinale contro Pietro Teodonno la partita dopo un’ora di gioca   con il punteggio di 2 set pari, andava al quinto game che il rendese se lo aggiudicava con un eloquente 11-3. In finale Bisignano incontrava l’atleta di casa Davide Morri, vincendo agevolmente il primo set per poi subire il ritorno del romagnolo cedendo il secondo set. Ma terzo e quarto games erano un monologo per Bisignano che con un secco 3 1 si aggiudicava incontro e titolo italiano.

Ma il risultato più prestigioso giungeva ad opera della stellina della Scorpion Cristina Tartarone, che sul suo cammino era un tritasassi, infliggendo a tutte le sue avversarie dei perentori 3 set a 0, nell’ordine all’oriunda Petra Paunen, alla genovese Paola Moretti, alla torinese Elena Rinaldi e alla milanese Katiuscia Grossi, volando in finale. Nel centrale dell’impianto riccionese con la tribuna gremita da spettatori, Cristina entusiasmava il pubblico inanellando scambi fantastici contro un’avversaria tutt’altro che abbordabile la 4 volte campionessa italiana Monica Menegozzi. La bolognese cercava in ogni modo di arginare la furia agonistica della giovane Tartarone, ma la giovanissima rendese non ancora maggiorenne si dimostrava già solidissima e capace di battere la forte Menegozzi per 3 set a 0, conquistando il suo primo titolo italiano assoluto ed anche il primo della società Scorpion che finalmente è riuscita a iscrivere per la prima volta il nome di un suo atleta nel palmares più importante.

Il prossimo appuntamento sarà la prossima settimana a Bari, nel quale la Scorpion si recherà con i suoi under 13 e 15 per disputare il torneo nazionale giovanile figs.

Ma dal 7 al 9 giugno si concluderà la cavalcata della IGreco Scorpion,  sempre al C.T.F. di Riccione,  in cui lo scontro diretto con la formazione di Milano attribuirà il titolo italiano di squadra Campione d’Italia. Nell’attesa la squadra rendese si godrà i titoli individuali di Bisignano e Tartarone.

Advertisement
Web Hosting