Home Attualità Salute&Benessere All'Unical il seminario "Psicologia: formazione e...

All’Unical il seminario “Psicologia: formazione e professioni. Nuove prospettive di lavoro e normativa attuale”

di Antonio Sergi

Nel segno della continuità, data la ormai solida collaborazione tra Unical e psicologi, Angela Costabile, docente di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione DiCes all’Università della Calabria, ha promosso un altro significativo seminario: “Psicologia: formazione e professioni. Nuove prospettive di lavoro e normativa attuale”. Il tutto, nell’Aula Multimediale dell’Unical, dove, ancora una volta, sono stati coinvolti due organismi importanti, quali l’istruzione con il mondo universitario e la psicologia, per analizzare i diversi profili normativi contingenti e non, tra problemi e prospettive, e mettere l’accento su tutto quello che di nuovo, in questi ultimi mesi, sta accadendo rispetto alla professione psicologica, sia come formazione iniziale che post-lauream. Nel partecipato incontro, sono intervenuti Angela Costabile, docente di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione al DiCES dell’Unical, Mario Fulcheri, docente di Psicologia Clinica, Università di Chieti, Roberto Guarasci, direttore DiCES e Maria Francesca Amendola, psicologa psicoterapeuta ASP di Cosenza.

Tanti i temi affrontati, come il decreto sulla sanità in Calabria «che prevede lo psicologo di base, in affiancamento al medico di base, cambiamento che è subentrato con le scuole di specializzazione», tuttavia, è emerso dall’incontro, «attualmente questa situazione si scontra con la realtà, poiché i servizi sono praticamente sguarniti, soprattutto in Calabria e nella provincia di Cosenza, gli psicologi stanno andando in pensione e i servizi si sono “svuotati” della professione psicologica». A livello nazionale, idem comparate. «Adesso – ha rimarcato la professoressa Angela Costabile, a più riprese, insieme agli altri autorevoli relatori – accade che c’è un’attenzione di massa su eventi drammatici ma non si lavora sulla promozione del benessere e sulla prevenzione del disagio. Viene chiesto di supportare il medico di base, di essergli vicino e lavorare sul benessere ma in Calabria il ricambio con le assunzioni non c’è». Un turnover che secondo il docente Mario Fulcheri sarebbe fondamentale: «Avrebbe un effetto positivo, non solo sul benessere generale ma comporterebbe anche un risparmio economico, dato il costo che hanno alcuni soggetti che soffrono di patologie croniche. Bisogna pensare – ha sottolineato – a come poter intervenire per incidere con un cambiamento in questa direzione, un cambiamento che sarebbe senz’altro positivo». Un incontro importante che ha testimoniato la preziosa sinergia tra docenti dell’università, ricercatori e professionisti nel campo della psicologia. È stata evidenziata la necessità di approcci multidisciplinari, visti i risultati interessanti anche per quel che riguarda le ricadute sociali, a tutti i livelli.