Dissesto e conti pubblici, lo sfogo su fb del sindaco Occhiuto

87

“Faccio un po’ di chiarezza sulla situazione relativa ai conti comunali e sull’ipotesi di dissesto finanziario dell’ente, con riflessioni anche su altro”. Inizia così una lunghissima nota sul profilo fb del sindaco Mario Occhiuto sulla vicenda dei conti pubblici. Occhiuto “posta” tra l’altro due foto di altrettante delibere della Corte dei Conti per gli anni 2012 e prima del 2010

“Le immagini allegate al post si riferiscono ad uno stralcio della deliberazione della Corte dei Conti n. 97 del 2012 che, dopo aver esaminato il conto consuntivo del 2010, di fatto decretava l’avvio delle procedure di dissesto per il Comune di Cosenza.

Quindi il Comune di Cosenza, è bene ribadirlo, è in una situazione di grave squilibrio finanziario già dal 2011, data del mio primo insediamento; squilibrio che la mia Amministrazione sta tentando di superare attraverso il Predissesto (Piano di riequilibrio finanziario), strumento alternativo al dissesto che abbiamo utilizzato e che permette di pianificare il risanamento in più annualità (rispetto al dissesto) con il costante monitoraggio (semestrale) della Corte dei Conti”,scrive.

“Il “baratro finanziario” (di cui parlano alcuni nostri detrattori) è dunque quello riferito agli anni precedenti al 2011. Non vedo quindi in che modo avremmo potuto essere ritenuti noi i responsabili di una eventuale riproposizione del dissesto.

Con quale coraggio chi ha mandato sostanzialmente e formalmente in dissesto il Comune lancia accuse a questa Amministrazione sulla gestione dei conti?

Con quale coraggio chi ha devastato una città, lasciando una ingente mole di debiti (che coprivano con crediti fasulli, da noi stralciati dal bilancio) ancora oggi si permette di dare lezioni?

C’è qualcuno che ha dimenticato l’incapacità del Comune di far fronte agli impegni assunti e le tante manifestazioni di lavoratori delle coop e di tutto l’indotto che chiedevano semplicemente di ricevere gli stipendi arretrati? Per non parlare dei tempi medi di pagamento delle imprese che superavano i 365 giorni.

Ci siamo chiesti in tante occasioni come sia stato possibile spendere così tante risorse in spesa corrente e avere una città che agli occhi di tutti era spenta e disastrata. Ci siamo chiesti come sia stato possibile in tanti anni non realizzare alcun investimento utilizzando i fondi strutturali europei.

Non avevano realizzato mai nulla. Nessun investimento, nessuna riqualificazione dei servizi, nessuna attività attrattiva e culturale. E quando ci siamo accorti che al posto dei crediti erano appostati in bilancio solo numeri fasulli era troppo tardi perché la Corte dei Conti (nel 2012) aveva già sentenziato il dissesto.

E poi la stessa Corte regionale bocciò nel 2013 anche il Piano di riequilibrio finanziario da noi presentato per ripianare il deficit e i debiti accumulati da questi signori nel passato, ritenendo addirittura non sanabile la disastrosa situazione da noi ereditata.

E adesso in linea con quanto deciso nel 2013 di nuovo la Corte regionale ha ritenuto non conformi alle previsioni intermedie (del piano di riequilibrio) gli ultimi bilanci approvati. Si tratta di decisioni assunte in primo grado. Siamo pertanto fiduciosi che, come avvenuto nel 2014, riusciremo a dimostrare alle Sezioni Riunite della Corte gli sforzi compiuti e l’adeguatezza del piano di risanamento che riapproveremo con la salvaguardia degli equilibri di bilancio.

Il dato fondamentale che emerge da quest’ultima relazione della Corte dei Conti è che, a causa delle difficoltà di riscossione (dovute all’evasione e alla crisi economica), nonostante un lieve incremento, il Comune non sia stato in grado di far fronte all’ingente mole debitoria ereditata dal passato non rispettando di fatto le previsioni del Piano di risanamento a suo tempo da noi presentato. C’è stato un graduale miglioramento, ma secondo la Corte non è sufficiente.

Le spese

Sul fronte della spesa corrente c’è stato invece un risparmio consistente e infatti su base annua negli ultimi 6 anni la stessa risulta pari a 73,9 milioni di euro rispetto al dato del 2012 pari a 79.7.

E’ importante inoltre precisare che -dalla semplice lettura dei bilanci e dall’accostamento delle relazioni della Corte- appare evidente che la mole debitoria del Comune di Cosenza non ha subito alcun incremento (come falsamente alcuni detrattori sostengono) bensì una consistente riduzione. E tutto ciò è avvenuto nonostante i pesanti tagli dei trasferimenti dello Stato per complessive 102 milioni di euro. Le passività evidenziate dalla Corte dei Conti sono infatti nella quasi totalità riferite ad un periodo antecedente il 2011.

Basta analizzare i rendiconti di bilancio per verificare come i residui passivi (ossia i debiti) siano passati da 376 milioni del 2011 a 123 del 2018. Anche parificando gli stati patrimoniali a cui erroneamente qualcuno fa riferimento (adeguando quello del 2011 ai nuovi criteri con i quali è stato redatto quello del 2018) si registra una riduzione di circa 60 milioni di euro (365 contro 305).

Le dichiarazioni dei nostri detrattori hanno come unico scopo quello di metterci in cattiva luce e diffondere false preoccupazioni ai consiglieri e ai cittadini che, è bene precisarlo, non subiranno alcuna conseguenza anche in caso di dissesto. Appare evidente, infatti, come la notizia di aumenti dei tributi comunali sia assolutamente priva di fondamento in quanto già dal 2011 (con il Predissesto) venivano applicate le aliquote massime”.

Noi abbiamo sempre operato per il bene della città migliorandola sotto ogni punto di vista: dalle nuove opere pubbliche realizzate e finanziate con fondi europei al recupero di tutto il patrimonio storico di proprietà pubblica, dalla riqualificazione dei servizi comunali alla rivitalizzazione in chiave turistico culturale della città, dalla legalizzazione delle Coop allo smantellamento dei campi rom. E anche rispetto ai conti comunali abbiamo operato un miglioramento strutturale notevolissimo: basti pensare che oggi lavoriamo con meno della metà dei dipendenti e dei dirigenti che abbiamo trovato in Municipio nel 2011, ma che i servizi erogati ai cittadini sono comunque notevolmente migliorati.

Abbiamo realizzato tutto questo per il bene della nostra comunità solo grazie alla massima determinazione e al nostro grande coraggio, avendo tutti contro: criminali e mafiosi (sono stato costretto ad utilizzare la scorta per quattro anni), ricattatori operanti nei blog o che utilizzano i giornali e le tv locali, ricattati che devono dar conto delle loro attività ai ricattatori, populisti esaltati e dalla doppia morale che utilizzano i poteri dello Stato per tentare di far fuori gli avversari, politici invidiosi del nostro attivismo (ci sono intercettazioni telefoniche e indagini della procura di Catanzaro che dimostrano i continui tentativi di boicottaggio), delinquenti e ladri da noi denunciati che cercano di vendicarsi, rancorosi prevenuti e quelli delusi dal mancato accoglimento di richieste personali.

Alla città e ai cittadini del futuro resteranno in ogni caso le opere, non tutte queste parole vuote e le cattiverie che siamo stati costretti a subire. E questo ci deve ripagare di ogni amarezza.

Pubblicità