La promozione del patrimonio arriva con Civita…nova, tutto pronto per l’edizione 2019

locandina CIVITA...nova 2019
Pubblicità

Torna, dal 29 agosto al primo settembre, “CIVITA…nova”, la manifestazione che coniuga, nel rione Civita di Castrovillari- il salotto buono della città-, “cuore” dell’antica residenzialità ai “piedi” del Pollino, il patrimonio storico con quello antropologico, quelli che caratterizzano la sua vita culturale, sociale ed economica.”

Ad affermarla una serie di azioni in programma,  a partire dal manifesto che accompagna gli inviti ad essere presenti, numerosi come sempre, e riprende lo stupendo presepe (ubicato nel Protoconvento francescano) dell’artista locale Gianni Cherillo  con la grafica di Claudio Regina, espressioni di sensibilità che desiderano includere.

La presentazione dell’evento si è tenuto sabato mattina 24 agosto  proprio nel chiostro dell’antico Protoconvento. Portato avanti e sostenuto dall’Amministrazione comunale, che si avvale della preziosa direzione artistica della Pro Loco e della collaborazione di altre associazioni, la quattro giorni, così,  è pronta ad offrire le capacità  d’arte di strada tra percorsi artigianali ed enogastronomici abbracciati da più iniziative e mostre sulla tradizione, oltre che da un convegno  sui fondi europei per lo sviluppo  della cultura e dei territori, fondamentali per le nostre vocazioni.

A precisare questa creatura adulta, sintesi della forza identitaria che trasmette il popolo castrovillarese insieme ad altre manifestazioni che la completano durante l’anno, con identica tensione ed amore, il Sindaco , Domenico Lo Polito, il presidente della Pro Loco, Eugenio Iannelli, il delegato del Comune, Franco Pirrera, il direttore artistico, Gerardo Bonifati, e il presidente del consiglio, Piero Vico.

Una serie di contributi che hanno affermato, in più modi, il lavoro congiunto, educativo  e continuo per tale realtà ed appartenenza che impreziosiscono tutte le cose come le tante progettualità dedicate e premiate dalla Regione, con il Ministero per i Beni Culturali e l’Unione Europea, grazie le associazioni redattrici di progetti ed il Comune, affermano in un susseguirsi di obiettivi raggiunti per una rivitalizzazione dell’esistente a partire dalle  impronte storiche che si perpetuano.

Opportunità– è stato detto inoltre- per promuovere il carattere turistico della città Festival (pronto a divenire Fondazione per essere più incisiva) e dei Festivals , com’è stata battezzata per le iniziative che annovera, e richiamare l’energia di questo luogo antico , pregno di tracce e tra i borghi storicizzati di Calabria per quel lavoro serio e continuo svolto a più mani sulla crescita dei beni culturali e delle tradizioni locali.”

L’appuntamento è ancora una volta, così,  uno strumento per una maggiore conoscenza ed offerta delle specificità esistenti.

Sono quelle che si legano alle eccellenze, alle usanze, alle produzioni tipiche e forze che declinano quel modo di tramandare le vocazioni su più fattori e, come testimonia ogni cosa che viene suscitata e ideata qui’, per dare sostanza e continua dignità all’appartenenza con le intuizioni di donne e uomini appassionati alle proprie radici.

“L’edizione pronta ad animarsi, è dunque ancora un riaffermare, con maggiore determinazione, anche in maniera innovativa, queste orme ( proprio come quelle che lasciamo per terra e spesso ricerchiamo per ritornare in un luogo che ci ha particolarmente colpiti ) in quel camminare, senza sosta, spinto dal desiderio di scoprire ciò che lo desta, pure per quel gusto- in questo caso senza mai allontanarsi dall’essenza- di riconsegnare ragioni e Cuore di siffatto dedicarsi alla rigenerazione possibile e diffuso dell’esistente ereditato.”

Pubblicità