Mar 21 Set 2021

sibarinet

Home Cronaca Paola, carabiniere morto d’infarto dopo lite...

Paola, carabiniere morto d’infarto dopo lite in spiaggia: c’è un indagato

C’è un indagato per la morte del maresciallo dei carabinieri Antonio Carbone56enne morto a Paola a seguito di un malore accusato dopo una lite con alcuni bagnanti.

Si tratterebbe di un 28enne già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, che sarebbe indagato per minacce o lesioni come conseguenza di altro delitto, è stato individuato dagli agenti del Commissariato locale grazie alle testimonianze di alcune persone. Carbone, lo scorso lunedì, avrebbe ripreso alcuni bagnanti in un lido di Paola per aver gettato un mozzicone di sigaretta in mare. Da lì la furibonda lite a seguito della quale il sottufficiale dell’Arma ha avvertito il malore.

Carbone aveva contestato il lancio di una cicca di sigaretta da parte del figlio dell’indagato. A quel punto il genitore e il ragazzo si sono scagliati contro l’uomo, aggredendolo ferocemente e minacciandolo di morte. Molti bagnanti hanno riferito dettagli su quanto avvenuto in merito alla durissima reazione del villeggiante cosentino – giunto a Paola in treno. Il carabiniere aveva semplicemente fatto notare come il mare non potesse essere trattato come una pattumiera.

Un medico intervenuto sul posto dell’incidente per soccorrere l’uomo, colto dal presunto infarto successivo all’animata discussione, ha parlato di arresto cardiocircolatorio. Previsti nelle prossime ore tutti gli accertamenti del caso per stabilire l’esatta causa del decesso. Antonio Carbone, maresciallo dei Carabinieri, lascia moglie e tre figli.