Mar 7 Feb 2023
spot_img
HomeAttualitàUltimo giorno con l'ora legale, da...

Ultimo giorno con l’ora legale, da stanotte torna l’ora solare

Torna l’Ora solare. Questa notte, tra sabato 30 Ottobre e domenica 31 Ottobre 2021 alle ore 03:00  dovremo spostare le lancette dell’orologio indietro di 60 minuti: dalle ore 03:00 alle ore 02:00, con il risultato di una domenica con un’ora in più.

La sera farà buio prima e al mattino farà luce prima. L’ora solare resterà in vigore fino all’ultimo weekend di marzo 2022 (tra sabato 26 e domenica 27 marzo) quando torneremo a spostare in avanti le lancette. Salvo improbabili sorprese.

Gli apparecchi elettronici collegati a internet provvederanno in autonomia, per gli altri sarà necessario portare le lancette indietro di un’ora. Per semplificarsi la vita conviene cambiare l’ora di un vecchio orologio prima di andare a dormire in modo di sapere per certo che ore sono quando ci svegliamo, senza doversi scervellare per capire se lo smartphone piuttosto che il tablet o lo smartwatch hanno eseguito correttamente l’operazione.

Poco più di tre anni fa, tra luglio e agosto 2018, è stata avanzata la proposta di abolizione del cambio dell’ora: quasi 5 milioni di cittadini dell’Unione Europea hanno risposto a una consultazione: a esprimersi favorevolmente è stato il 76% dei votanti. Nella discussione che è seguita alla Commissione Europea non si è raggiunta una decisione univoca che accontentasse tutti i Paesi membri e al momento in Italia vige ancora il cambio dell’ora.

Il cambio dell’ora da solare a legale è stato introdotto per risparmiare energia durante la Prima e Seconda Guerra mondiale, riducendo il consumo di elettricità. La misura è poi stata adottata definitivamente in Italia nel 1966. La convenzione dell’orario estivo non fa che “imitare” il bioritmo dei nostri antenati, che si svegliavano all’alba senza orologi, seguendo il progressivo anticipo del sorgere del sole in primavera e il ritardo in autunno. Il cambio dell’ora avviene solitamente in orario notturno per arrecare meno disagio possibile ai trasporti che, di notte, effettuano meno tratte.