Mer 8 Dic 2021
spot_img
HomeAttualitàEconomiaDal 2023 il Canone RAI fuori...

Dal 2023 il Canone RAI fuori dalle bollette dell’energia elettrica: le ipotesi

Il Canone potrebbe essere estromesso dalla bolletta dell’energia elettrica a partire dal 2023, dando quindi il tempo alle istituzioni di trovare una alternativa.

L’introduzione del Canone in bolletta risale al Governo Renzi, quando con questa misura si tentò di abbattere la forte evasione che gravava su questo onere e che impediva sia di finanziare adeguatamente le attività RAI, sia di portare avanti un’equa raccolta del Canone tra i cittadini. Ora si arriva a nuove ipotesi che escluderebbero la soluzione attualmente utilizzata, per virare su ipotesi al momento ancora al vaglio dei ministeri interessati.

L’Italia ha dovuto assumere questo impegno come condizione vincolante per ricevere dall’Unione Europea i fondi del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) o Recovery Plan.

Per tutto il 2022 il Canone sarà quindi ancora in bolletta sotto la voce “oneri impropri”, ma da inizio 2023 ai fornitori di elettricità non verrà più richiesto di riscuoterlo all’interno delle spese versate dai loro clienti bimestralmente.

A richiederlo all’Italia è stata proprio la Commissione Europea che lo ha confermato all’agenzia di stampa Agi attraverso un suo portavoce. E lo ha fatto all’interno di una decisione di esecuzione per fissare gli obiettivi del Pnrr per l’Italia e metterne in calendario l’attuazione di tutte le misure di supporto previste.

Il termine ultimo stabilito nell’impegno per cancellare l’imposta dalla bolletta è quindi l’ultimo trimestre del 2022: tutti gli oneri non direttamente correlati alla spesa per l’energia elettrica dovranno quindi essere rimossi. Il principale obiettivo è quello di assicurare la diffusione della concorrenza per l’energia elettrica all’interno dei mercati al dettaglio.