Mer 19 Gen 2022
spot_img
HomeSportCalcioCosenza calcio. Ufficiale: Cremonese fatale per...

Cosenza calcio. Ufficiale: Cremonese fatale per Zaffaroni

La Cremonese è risultato il punto di non ritorno per il tecnico Zaffaroni, sollevato dall’incarico di guida tecnica del Cosenza calcio in queste ore. Dopo aver rimediato la quinta sconfitta in sei partite, l’avventura del tecnico milanese si è interrotta questa mattina come comunicato dalla nota ufficiale della società:

“La Società Cosenza Calcio comunica di avere sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra il Sig. Marco Zaffaroni. Contestualmente viene interrotto il rapporto di lavoro con il collaboratore tecnico Simone Pietro Moretti e il preparatore atletico Andrea Curzi. Al tecnico, che ha collezionato 17 panchine in rossoblù e allo staff, vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto.

La sedute di allenamento sarà affidata all’allenatore in seconda Antonio Gatto, fino all’insediamento del nuovo tecnico che sarà ufficializzato nelle prossime ore”.

Il futuro dei rossoblù

La situazione in casa Cosenza non è sicuramente delle più rosee e scegliere bene sarà fondamentale per l’ambiente in riva al Crati. Proprio per questo motivo la decisione del nuovo allenatore sta avvenendo attraverso un’attenta analisi della società per individuare il giusto profilo per il proseguo del campionato rossoblù. Altro punto di grande importanza sarà il mercato di riparazione che, ora, dovrà passare anche sotto le “grinfie” del nuovo tecnico per “accontentare” tutte le parti. Il ds Goretti ha iniziato già dal triplice fischio contro la Cremonese a monitorare diversi profili.

Dalle ultime notizie, in pole, su tutti, ci sarebbe il profilo dell’ex tecnico di Ascoli e Brescia, Dionigi, sul quale però pesa il contratto ancora in essere con la società delle rondinelle. Il tempismo è vitale e se Dionigi riuscirà a svincolarsi in breve tempo (queste le ore decisive), potrebbe essere lui il futuro del Cosenza. Se così non dovesse essere, sono pronti già almeno altri due nomi: Padalino e Stellone.