Gio 27 Gen 2022
spot_img
HomeAttualitàSuper green pass, domani le nuove...

Super green pass, domani le nuove regole: dai trasporti a negozi e ristoranti

Scatta domani, 10 gennaio, l’obbligatorietà del certificato verde rafforzato decisa con il decreto legge del 29 dicembre. Nuove norme che rimarranno in vigore fino alla cessazione dello stato di emergenza, e dunque almeno fino al 31 marzo.

Alla base delle nuove regole, introdotte per frenare la nuova ondata pandemica, c’è la necessità del green pass rafforzato o super green pass — cioè il green pass ottenuto esclusivamente per vaccinazione e guarigione, non dopo un tampone negativo — per poter fare molte attività. Le multe per chi entra senza super green pass nei luoghi in cui è previsto vanno da 400 a 1.000 euro. I controlli sono demandati ai gestori, ma solo vigili e forze dell’ordine possono fare le multe, eventualmente chiamate dagli stessi gestori se il cliente vuole comunque entrare.

Diventa obbligatorio possedere il green pass rafforzato, cioè il passaporto verde Covid rilasciato esclusivamente in seguito a vaccinazione o guarigione da Covid da meno di 6 mesi, per:

  • alberghi e strutture ricettive;
  • feste in seguito a cerimonie civili o religiose;
  • sagre e fiere;
  • centri congressi;
  • servizi di ristorazione all’aperto;
  • impianti di risalita con finalità turistico-commerciale, anche se ubicati in comprensori sciistici;
  • piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto;
  • mezzi di trasporto, compreso tutto il trasporto pubblico locale o regionale.

Sull’ultimo punto, ossia per l’uso di mezzi del trasporto pubblico locale o regionale, sia su gomma che su rotaia, tram e treno, sui mezzi di trasporto pubblico o privato come aerei, treni, navi e traghetti, autobus e pullman che collegano più di due regioni; su autobus e pullman a noleggio con conducente sarà obbligatorio esibire il green pass rafforzato. Green pass rafforzato anche per il trasporto scolastico, anche se dedicato come gli scuolabus, dai 12 anni compiuti in su. L’obbligo si aggiunge a quello di indossare sempre mascherine Ffp2, già scattato, ed i controlli saranno fatti a terra, a campione, prima che le persone salgono sui bus o sui treni da addetti alle fermate più affollate delle aree urbane e dalle forze dell’ordine.

F.B.