Dom 21 Apr 2024
spot_img
HomeAttualità“B for peace”, iniziativa della Lega...

“B for peace”, iniziativa della Lega B per il conflitto russo-ucraino

Il conflitto russo-ucraino che da un mese accompagna la cronaca quotidiana ha messo in moto una macchina di solidarietà in continua crescita che attraversa tutti gli ambiti della società. E anche il mondo del calcio si è schierato per la pace con varie iniziative volte a dare un chiaro messaggio di speranza, solidarietà e libertà.

la Lega Serie B è già scesa in campo con due iniziative simboliche (i cinque minuti di ritardo del 26° e 27° turno e lo slogan “B for peace”) per far sentire il proprio sostegno alla popolazione ucraina che in questi giorni ha visto il proprio territorio trasformarsi in un teatro di guerra e devastazione. Situazione, questa, che non può essere messa ai margini in qualsiasi ambito e che richiede una doverosa attenzione da parte di tutti.

La macchina della solidarietà non si ferma ed, al termine della sosta per i play-off dei Mondiali (anche l’Italia deve ancora giocarsi l’accesso a “Qatar 2022” iniziando il proprio cammino questa sera contro la Macedonia del Nord, n.d.r.), è già pronta una nuova iniziativa, questa volta concreta, da parte della Lega B che continua a mantenere i propri riflettori puntati sul conflitto e con <<il Presidente Mauro Balata in prima linea a sottolineare che il calcio è per la pace>>.

Come si legge nella nota ufficiale (della Lega B) <<L’unione fa la forza. In un momento storico così complesso e particolare, la Lega Serie B, assieme alle 20 associate, ai tifosi e in collaborazione con Ukrainian Association of Football si impegna a raccogliere medicinali e alimenti da inviare alle popolazioni colpite dal conflitto russo-ucraino>>.

Ecco, dunque, che per il 32° il 33° turno della kermesse, oltre a slogan su tabelloni luminosi e patch speciali indossate dai calciatori, gli stadi del Campionato degli Italiani assumeranno una doppia funzione: quella classica da cornice alla lotta tra le squadre in campo e quella di centri raccolta per viveri e beni di prima necessità dando ai tifosi la possibilità di fornire il proprio contributo.