Ven 23 Set 2022
spot_img
HomeAttualità“La ‘ndrangheta nelle vesti di avvocato”,...

“La ‘ndrangheta nelle vesti di avvocato”, penalisti cosentini furiosi con Morra

La Camera Penale di Cosenza ritiene inaccettabili le dichiarazioni del presidente della commissione nazionale antimafia Nicola Morra, attraverso un post su Facebook, all’indomani della maxi operazione della Dda di Catanzaro che ha visto coinvolti anche due avvocati del foro di Cosenza.

“Qui a Cosenza è una ‘ndrangheta che si presenta nelle vesti di un avvocato, imprenditore o amministratore pubblico”. Il riferimento di Morra è al sindaco di Rende Marcello Manna e ai due assessori Francesco De Cicco e Pino Munno, sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

“Il contenuto perentorio delle suddette affermazioni che rendono l’inciso “garantista” di sola forma” che “si traduce in un vero e proprio “verdetto” di condanna nel merito delle ipotesi di reato, emesso da un Rappresentante delle Istituzioni, ancor prima che gli indagati abbiano potuto esercitare compiutamente, correttamente e tempestivamente il diritto di difesa dinanzi agli Organi di giurisdizione preposti al controllo di merito e legittimità del provvedimento coercitivo”. Questa la replica dei penalisti cosentini.

“Tale fatto – secondo la Camera Penale di Cosenza – costituisce un vero e proprio “corto circuito Istituzionale-Giudiziario” poiché in grado di depotenziare o – peggio – fare detonare la regola di civiltà giuridica della “presunzione di non colpevolezza”, tesa alla tutela dei diritti delle persone coinvolte nel procedimento penale e – ancor più – rivolta alla salvaguardia della funzione giurisdizionale, onde rendere effettivamente libero il convincimento della Magistratura giudicante da ogni forma di interferenza e suggestione, anche e soprattutto di rango istituzionale come nel caso di specie, che sono e devono restare estranee al “giusto processo.

Ancora più grave, secondo i penalisti, l’espressione “è una ‘ndrangheta… che si presenta nelle vesti di un avvocato” intacca, mediante l’inaccettabile accostamento “’ndrangheta-avvocato”, l’effettività del diritto di difesa degli avvocati indagati nel detto procedimento e ne dileggia la funzione costituzionale».

Da qui la scelta dei penalisti di voler rivendicare «con forza e determinazione, la funzione di “sentinella delle garanzie dei diritti” da parte dei penalisti cosentini, nei termini impressi nello Statuto della Camera penale “Avvocato Fausto Gullo” per la più efficace attuazione della giustizia penale, che deve essere tenuta al riparo dal pensiero “illiberale che imperversa nel nostro Paese, sempre più proclive ad assimilare l’indagato al reo””.

Da tutti questi aspetti il Consiglio direttivo della Camera penale di Cosenza, ha espresso “ferma e incondizionata solidarietà agli avvocati penalisti del foro cosentino, Marcello Manna e Paolo Pisani, che da decenni difendono con probità, decoro, diligenza e competenza “i diritti degli ultimi” e le cui Toghe sono intrise dei valori dell’Avvocatura come vocazione ancor prima che professione, certi che i preposti Organi di giustizia ne accerteranno la estraneità da qualsiasi condotta loro ascritta”.

E deliberato lo stato di agitazione per “la correlata preoccupazione che il contenuto dello stesso possa costituire una interferenza “istituzionale” idonea a condizionare l’attività giurispudenziale”.