Dom 2 Ott 2022
spot_img
HomeAttualitàRende, parte “Educamediamoci”, il progetto sul...

Rende, parte “Educamediamoci”, il progetto sul contrasto alla violenza nei confronti dei minori

Parte a Rende “Educamediamoci”, il progetto sul contrasto alla violenza nei confronti dei minori e l’uso consapevole dei media per il quale il comune di Rende è stato riconosciuto come uno dei migliori in tutta Italia ottenendo un finanziamento di circa duecentomila euro da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia.

“La nostra amministrazione comunale è da anni impegnata sulla diffusione di una cultura di parità e rispetto delle differenze e l’aver ottenuto questo finanziamento ci fornisce la possibilità di perseguire l’obiettivo con più determinazione.

Attraverso Educamediamoci potrà pertanto essere continuata l’importantissima opera di sensibilizzazione iniziata, implementando un progetto pilota, con la collaborazione delle scuole del territorio e dell’Università della Calabria, volto a prevenire manifestazioni di violenza tra pari e ridurre il rischio di molestie on line tra i bambini e adolescenti”, ha spiegato l’assessore alle politiche sociali Annamaria Artese.

Obiettivi specifici del progetto saranno: “l’identificazione della dimensione del fenomeno e la percezione del rischio della violenza on line, il coinvolgimento diretto dei destinatari del progetto, siano essi ragazzi, adulti ed educatori attraverso la diffusione di buone pratiche utili per ad approccio consapevole al mondo del web ed all’uso corretto di pc e smartphone”, ha proseguito Artese.

Diverse le azioni previste e che coinvolgeranno Polizia Postale e Università della Calabria: “si partirà da un’indagine conoscitiva sull’uso del web e dei social network che sarà svolta dal Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università della Calabria e rivolta alla popolazione scolastica target e delle analisi appropriate che possano indirizzare le successive azioni destinate sia ai ragazzi che alle loro famiglie.

Il target individuato è composto da alunni delle quarte e quinte classi della scuola primaria e dalle classi delle scuole secondarie di primo grado. Inoltre saranno implementati i percorsi formativi di media education per fornire ai ragazzi, alle famiglie e agli educatori competenze mediali finalizzate ad un corretto e responsabile uso delle nuove tecnologie.

È previsto, poi, un iter di alfabetizzazione digitale per la realizzazione di un videogioco e di un sito web finalizzato ad un utilizzo consapevole e responsabile dei media che valorizzerà il ruolo dei ragazzi coinvolti attraverso una partecipazione attiva nello sviluppo di iniziative di contrasto al fenomeno. Infine, saranno organizzati workshop, laboratori, incontri per le famiglie, gli insegnanti e gli educatori sulle tematiche del progetto, in modo da fornire loro adeguato supporto nel rapporto educativo con i ragazzi.

La prevenzione del fenomeno della violenza tra pari, perpetrata anche attraverso l’uso delle nuove tecnologie, è per la nostra amministrazione comunale prioritaria e con l’inizio del nuovo anno scolastico, ne siamo certi, diffondere attraverso questo progetto l’educazione al rispetto gioverà a tutta la nostra comunità”, ha concluso l’assessore alle politiche sociali.