Gio 8 Dic 2022
spot_img
HomeCronacaAuto rubate e riciclate per essere...

Auto rubate e riciclate per essere vendute, tra gli arresti anche un avvocato

Furto e ricettazione sono solo alcuni dei reati contestati agli indagati dell’operazione “Bisarca”.

Sulla base delle risultanze investigative svolte dalla Polizia Stradale di Torino e di Catanzaro, il Giudice per le Indagini Preliminari di Torino, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, alla luce dei gravi inizi di colpevolezza emersi, ha emesso una misura cautelare in carcere per persone, fra cui un avvocato del Foro di Locri, che secondo gli elementi raccolti si sarebbero rese responsabili del reato di riciclaggio di 8 auto oggetto di furto nell’hinterland Torinese.

Sempre secondo l’ipotesi di accusa, i 4 personaggi avrebbero ricevuto le auto rubate apponendo su di esse delle targhe appartenenti ad analoghi veicoli a loro intestati o a loro in uso. Proprio l’avvocato sembrerebbe esser giunto nel capoluogo sabaudo, per prelevare un fuoristrada Mitsubishi Pajero, rubato alcuni mesi prima a Torino, poi trasportato in Calabria, con un autoarticolato adibito al trasporto di auto – una bisarca – da cui il nome dell’operazione.

Le misure cautelari sono state eseguite in provincia di Reggio Calabria e i prevenuti sono stati condotti presso il carcere di Locri (RC).