Dom 27 Nov 2022
spot_img
HomePoliticaElezioni comunali 27 novembre 2022, turno...

Elezioni comunali 27 novembre 2022, turno straordinario in due città calabresi

Sono fissate per domenica 27 novembre 2022 le votazioni nei comuni di Cutro (Crotone), Sant’Eufemia d’Aspromonte (Reggio Calabria), sciolti per fenomeni di condizionamento e infiltrazione di tipo mafioso. Il ministro Lamorgese ha firmato, infatti, il decreto di indizione delle consultazioni per l’elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali di cui all’articolo 143, comma 10, terzo e quarto periodo, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. L’eventuale turno di ballottaggio avrà luogo domenica 11 dicembre 2022.

Il Consiglio di Stato ha definitivamente confermato l’esclusione di due delle tre liste presentate per partecipare alle elezioni comunali di Cutro del prossimo 27 novembre indette dopo quasi due anni di commissariamento dell’ente a causa dello scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose.

Le liste ‘Cutro il nostro partito’, con candidato sindaco l’ex assessore regionale Ciccio Sulla espressione di movimenti cittadini, ed “Insieme risolleviamo Cutro” con candidato sindaco Antonio Della Rovere espressione del Pd in coalizione con M5S e associazioni, erano state escluse perché, secondo la commissione provinciale elettorale, presentate oltre il limite delle ore 12 del 29 ottobre scorso; per la lista di Della Rovere, la ricusazione era stata motivata anche da una carenza documentale relativa alle firme dei sottoscrittori che erano su fogli distinti dalla lista.

L’esclusione era stata confermata anche dal Tar Calabria che non aveva accolto le contestazioni dei legali delle due compagini elettorali secondo le quali, la commissione elettorale provinciale non aveva tenuto conto di un’attestazione consegnata ‘brevi manu’ dalla segretaria comunale che certificava la presenza nel palazzo comunale dei delegati delle liste prima delle ore 12 del 29 ottobre e nella quale si ribadiva che i ritardi nella conclusione delle operazioni erano dovuti a problemi di software per la stampa dei certificati elettorali.

Nel rigettare il ricorso il Tar aveva ribadito che non c’era prova che i rappresentanti delle liste fossero presenti nel palazzo comunale prima delle ore 12. Da qui l’appello che il Consiglio di Stato, però, ha rigettato ritenendo valide le motivazioni dei giudici amministrativi calabresi e confermando definitivamente l’esclusione delle due liste dalle elezioni.

L’unica lista rimasta, “Gente di Cutro” è una lista civica che ha come candidato a sindaco Antonio Ceraso, di 72 anni, ex comandante della polizia locale prima di Cutro e poi di Crotone. In presenza di una lista unica per essere eletto sindaco a Ceraso servirà intanto che vada a votare oltre il 40% degli aventi diritto e la sua lista dovrà comunque raccogliere la preferenza di almeno la metà dei votanti.

Nel Comune di Sant’Eufemia d’Aspromonte sarà una sfida elettorale a due, scendono in campo:

  • con la lista n. 1 “LISTA “SANT’EUFEMIA È VIVA – FRANCO PAPALIA SINDACO”, candidato a sindaco il dottore Francesco Antonio PAPALIA nato a Sant’Eufemia d’Aspromonte il 28 gennaio 1957;
  • con la lista n. 2 “IL PAESE CHE VOGLIAMO – PIETRO VIOLI SINDACO”, candidato a sindaco il docente Pietro VIOLI, nato a Sant’Eufemia d’Aspromonte il 19 giugno 1955.