Dom 19 Mag 2024
spot_img

banner greco elezioni europee

HomeCostume & SocietàTorna in Calabria per amore della...

Torna in Calabria per amore della sua terra e crea “La Bottega del Pollino”

Nel cuore di Morano Calabro c’è un giovane artigiano deciso di puntare tutto sulla sua terra d’origine. Per Nicola Cino, quello dell’artigiano non è soltanto un mestiere nobile e antico ma una vera missione.

Cresciuto a Morano Calabro, un piccolo e splendido paese dell’entroterra calabrese, Cino già da bimbo frequentava botteghe di artigiani, il papà lavora la pietra e lo zio intreccia materiali del territorio per creare ceste. E’ nata lì la sua passione per le creazioni fatte a mano. In quell’antro si respirava la magia di mestieri antichi e affascinanti, in un tempo dove quelli erano oggetti preziosi e necessari.

Poi, le cose della vita hanno portato via Cino dalla sua Calabria, come accade a tanti ragazzi del Sud. Trova lavoro all’estero. Uno stipendio sicuro e una vita tranquilla non cancellano la passione. Così decide a tornare nella sua terra, per custodire, conservare e tramandare quell’arte preziosa degli antichi mestieri della sua famiglia.

Il primo passo è aprire “La Bottega del Pollino”. Poi, un po’ alla volta ingrandisce il suo progetto e Nicola riesce, oltre a vendere creazioni artigianali uniche, anche ad allestire nella sua bottega un vero e proprio museo nel quale, attraverso le opere presenti, viene raccontata la nostra storia, le nostre tradizioni.

Oggi, attraverso il suo sito internet, esporta in Italia e nel mondo manufatti autentici della tradizione calabrese realizzati da piccoli artigiani.

La sua aspirazione sarebbe realizzare dei corsi e delle rappresentazioni delle varie tecniche di lavorazione, coinvolgendo soprattutto i giovani, per cercare di tramandare gli antichi mestieri.

Da sempre la Calabria è terra di eccellenze nel campo dell’artigianato e questo è ancora verificabile anche grazie all’impegno di Nicola Cino che ha saputo portare avanti tradizione e innovazione, ponendosi con successo sul mercato.

Questo “saper fare” e “tramandare” senza dubbio contribuisce a rendere ricco il nostro territorio, creando quel mix fortunato tra unicità del paesaggio e produzione artigianale.