Dom 21 Apr 2024
spot_img
HomeCostume & SocietàLa frittata di patate alla fiumefreddese,...

La frittata di patate alla fiumefreddese, una bontà calabrese

Se pensate che una frittata debba per forza contenere le uova, vi sbagliate di grosso. In Calabria, esiste una ricetta tradizionale che vi farà cambiare idea: la frittata alla fiumefreddese.

Si tratta di una delizia a base di patate, farina, pecorino e aromi, che si lega in cottura grazie all’amido delle patate e alla farina. Il risultato è una frittata croccante fuori e morbida dentro, dal sapore intenso e irresistibile.

La frittata alla fiumefreddese è tipica del borgo medievale di Fiumefreddo Bruzio, in provincia di Cosenza, inserito nel prestigioso club dei Borghi più Belli d’Italia. Il paese sorge su un incantevole promontorio roccioso che si affaccia sul mar Tirreno, alle spalle del Monte Cocuzzo. Il territorio è storicamente dedito all’allevamento e all’agricoltura, e conserva ancora oggi le sue tradizioni gastronomiche.

La frittata di patate è una ricetta semplice e veloce, che richiede pochi ingredienti e poco tempo di preparazione. Si pelano e si tagliano a fettine le patate (meglio se di qualità pasta gialla), si condiscono con sale, pepe, origano, peperoncino e pecorino grattugiato (preferibilmente del Monte Cocuzzo o della Sila DOP), si aggiunge un po’ di farina e si mescola il tutto.

Si versa il composto in una padella antiaderente con abbondante olio evo, si compatta bene a forma di tortino e si cuoce a fuoco moderato con il coperchio per circa 20 minuti. Poi si gira la frittata dall’altro lato e si lascia rosolare senza coperchio per altri 10 minuti. E voilà, la frittata alla fiumefreddese è pronta da servire!

Questa ricetta è ideale per chi è intollerante alle uova o segue una dieta vegana, ma anche per chi vuole provare un piatto diverso dal solito. La frittata alla fiumefreddese può essere gustata sia calda che fredda, come secondo piatto o come contorno. È perfetta anche da portare al mare o in picnic, o da preparare in anticipo e riscaldare in forno prima di servire.

Se volete scoprire questa e altre specialità calabresi, non perdete l’occasione di visitare il borgo di Fiumefreddo Bruzio, un luogo incantato dove storia, natura e gastronomia si incontrano.