Dom 14 Apr 2024
spot_img
HomeCostume & SocietàMissioncurvy, anoressia e bulimia: due facce...

Missioncurvy, anoressia e bulimia: due facce della stessa medaglia 

Di Maria Brunella Stancato

Anoressia e bulimia sono le due “sorelle” dei disturbi del comportamento alimentare. I disturbi alimentari sono patologie caratterizzate da un’alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso, che ostacola la salute fisica o il funzionamento psicosociale in modo significativo.

I principali manuali diagnostici descrivono l’anoressia e la bulimia come: entità separate, con specifici criteri diagnostici, con ipotesi di cause e meccanismi diversi, con indicazioni terapeutiche distinte.

Nella realtà clinica, tuttavia, la suddivisione tra anoressia, bulimia e disturbi alimentari non altrimenti specificati non è così definita e questi quadri clinici possono essere interpretati come variazioni di un unico disturbo, come due facce della stessa medaglia. 

Nei giorni scorsi si è tenuto un Concorso di bellezza “diverso” che della diversità ha fatto il suo tesoro. Bello partecipare, importante testimoniare quello che é  stato, il motivo che mi ha spinto ad accettare di far parte della giuria.  La bellezza non ha canoni, la bellezza ognuno di noi la definisce in base ai suoi gusti e l’essere umano è l’essere perfetto con tutti i difetti. 

La terza edizione è stata magistralmente, organizzata da Emmanuela Rovito, Vicepresidente Missionlife. Ideatrice, Organizzatrice, coordinatrice nonché Direttore Artistico di #MissionCurvyItaly e patrocinata dal Comune di Cosenza nella persona dell assessore alla salute Teresa De Marco, ha fatto sì che durante la cena spettacolo svoltasi  in un locale della città di Cosenza, le signore Curvy partecipanti potessero sentirsi belle ed ammirate nei loro lunghi abiti adornati da  strass e pailettes.

Sentendosi libere e non giudicate solo perché troppo in carne o troppo magre o in carrozzina.  Missionlife con #missionlifecurvy ha centrato appieno l’obiettivo, facendo parlare di sé in maniera positiva ed educata. Finalmente.