Sab 20 Apr 2024
spot_img
HomeTurismoPerchè val la pena di scoprire...

Perchè val la pena di scoprire la Calabria

Con il suo ricco patrimonio naturale, storico e culturale, la Calabria è uno dei luoghi più intriganti d’Italia sul fronte del turismo. La regione offre un’ampia gamma di esperienze indimenticabili a chi la visita: dalle montagne innevate della Sila alle cristalline acque tirreniche di Tropea, Pizzo Calabro e Capo Vaticano, passando per i piccoli borghi ricchi di storia come Stilo e Amantea, fino alle affascinanti spiagge dell’Isola di Dino e alle antiche rovine di Pentedattilo. Insomma, ogni angolo dell’estrema punta meridionale dell’Italia continentale racchiude storie, tradizioni e paesaggi tutti da scoprire. Ecco una selezione dalla quale costruire possibili itinerari turistici.

Il Parco Naturale della Sila
Il Parco Naturale della Sila, dichiarato dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, si estende per oltre 73 mila ettari a cavallo tra le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone. In ogni stagione si possono praticare attività e svaghi di ogni tipo: lo sci in inverno, in località come Camigliatello e Lorica;  tranquilli picnic nelle stagioni più calde presso il Lago del Passante. Il parco è anche un paradiso per gli escursionisti, con i suoi villaggi immersi nella natura come Palumbo, Racise e Buturo, e soddisfa anche la voglia di divertimento nella natura grazie al parco avventura Orme nel Parco. Una visita al Parco rappresenta anche un’occasione per assaporare la ricca gastronomia locale, di cui diremo a parte. 

Le Perle della Costa Tirrenica: Tropea e Capo Vaticano

Tropea, gioiello della Calabria, si erge maestosa sulle acque cristalline del Tirreno, e offre vedute mozzafiato e spiagge di sabbia bianca. Questa piccola città, nota per le sue architetture medievali e le stradine acciottolate, è un crogiolo di cultura, storia e gastronomia. I suoi vicoli nascondono tesori come la Cattedrale e palazzi nobiliari, mentre i mercati locali espongono l’abbondanza di prodotti tipici, tra cui la rinomata cipolla rossa e la ‘nduja, il celebre insaccato piccante originario di Spilinga, un paesino dell’entroterra.


Pochi chilometri più a sud di Tropea, il promontorio di Capo Vaticano offre spiagge e scogliere di una bellezza mozzafiato, panorami indimenticabili e tramonti che tingono l’orizzonte di colori vivaci. Questa zona è un paradiso per gli amanti del mare, che possono muoversi tra decine di calette nascoste e tuffarsi in acque trasparenti ideali per snorkeling e immersioni. L’area è anche un punto di partenza per esplorazioni gastronomiche, grazie alla ricchezza di ristoranti che servono piatti tradizionali a base di pesce fresco, peperoncino, salumi e formaggi (molto apprezzato è il pecorino del Monte Poro) e deliziosi dolci locali. 

La Cattolica di Stilo e Amantea
Adagiato sulle alture che guardano verso il mar Jonio, Stilo è un piccolo centro della città metropolitana di Reggio Calabria, inserito nell’elenco dei “Borghi più famosi d’Italia” e famoso soprattutto per la Cattolica, una chiesa bizantina del X secolo. Centotrenta chilometri più a nord, bagnata dal mar Tirreno, c’è Amantea con il suo mix di storia medievale e modernità balneare. I due paesi rappresentano due gemme della cultura e della storia calabrese: mentre Stilo offre un tuffo nell’arte bizantina, Amantea invita a esplorare il suo castello medievale e le sue spiagge dall’acqua cristallina.

Reggio Calabria e le sue Meraviglie

Collocata sulla punta dello “Stivale”, la parte più meridionale della penisola italiana, il capoluogo calabrese è una meta turistica imperdibile per chi cerca un’esperienza autentica all’insegna della cultura, della storia e della natura. Famosa per il suo lungomare, uno dei più belli d’Italia, offre spettacolari vedute dello stretto di Messina e delle montagne della Sicilia. La città è custode di preziose testimonianze storiche: tra tutti spiccano i celebri Bronzi di Riace, esposti nel Museo Archeologico Nazionale, che rappresentano un esempio eccelso dell’arte greca antica. Reggio Calabria è inoltre rinomata per la sua vivace scena culinaria, che valorizza i prodotti del territorio attraverso piatti tradizionali e innovativi. Le sue spiagge invitano al relax e alla scoperta di incantevoli fondali marini;  l’entroterra invece, con i suoi borghi pittoreschi e i parchi naturali, offre percorsi escursionistici e panoramiche mozzafiato. 

Sciare in Calabria: Gambarie

In questo viaggio lungo le bellezze della Calabria è importante prendersi una pausa, e svagarsi con la lettura di un buon libro o anche con una puntata al casinò online dal proprio smartphone. E chissà che proprio la pausa non aiuti una riflessione sulla regione calabrese: una terra solitamente associata al mare e all’estate, ma che, contrariamente a questa immagine, offre molto anche in inverno. E’ il caso di Gambarie, con le sue piste da sci e lo snowboard. Situato nel Parco Nazionale dell’Aspromonte, il paese offre viste panoramiche uniche e discese divertentissime, mostrando tutta la versatilità e la ricchezza del paesaggio calabrese.

Esplorazioni Naturalistiche: Isola di Dino, Spiaggia dell’Arcomagno e Parco Nazionale del Pollino
La costa nord tirrenica regala paesaggi inaspettati con l’Isola di Dino e la Spiaggia dell’Arcomagno, entrambe famose per le loro acque trasparenti e la natura incontaminata. A cavallo tra Calabria e Basilicata, Il Parco Nazionale del Pollino, il più grande d’Italia e anch’esso, come quello della Sila, Patrimonio dell’Umanità UNESCO, offre un’ampia varietà di attività all’aria aperta, dal trekking al rafting, e fa scoprire al turista tutta la diversità degli ecosistemi calabresi.

Le Castella e la Storia di Pentedattilo

Una delle cartoline più famose della Calabria ritrae una fortezza circondata dal mare. E’ Le Castella, a Isola di Capo Rizzuto (Crotone), di epoca aragonese, considerato tra i castelli più belli d’Italia. Ben più a sud, a due passi da Reggio Calabria, Pentedattilo è un antico borgo ora considerato fantasma, che con i suoi ruderi racconta storie di tempi passati, offrendo una visione unica sulle tradizioni e l’architettura della regione. Se Le Castella è ideale per una passeggiata serale, con il fascino della fortezza illuminata, Pentedattilo attira il turista grazie al mistero che lo circonda..

La cucina calabrese

Non è una destinazione, ma è difficile non citarla: la cucina calabrese è un trionfo di sapori, colori e profumi. Fortemente legata alla terra e al mare, offre piatti robusti e speziati come la ‘nduja, salumi di qualità superiore, e la famosa cipolla rossa di Tropea. I dolci, come il tartufo di Pizzo e i vini locali, completano l’esperienza culinaria, rendendo ogni pasto un momento memorabile.