Lun 20 Mag 2024
spot_img

banner greco elezioni europee

HomeCostume & SocietàFedez in lacrime a Belve: “Tre...

Fedez in lacrime a Belve: “Tre anni difficili, con Chiara non abbiamo retto”

“Sono stati 3 anni molto difficili. Purtroppo non abbiamo retto”. Fedez si commuove e non trattiene le lacrime a Belve, nell’intervista a Francesca Fagnani, quando risponde alle domande sulla crisi del matrimonio con Chiara Ferragni. “Non volevo piangere… Intorno alle nostre figure c’è sempre dietrologia, come se tutto fosse frutto di un calcolo. C’è anche chi è arrivato a dire che io abbia strumentalizzato la mia malattia e ci abbia guadagnato”, dice Fedez.

“In questo momento si parla di tradimenti, si parla di una ragazza con cui avrei avuto un rapporto. Mi stupisce la leggerezza con cui si dicono certe cose senza nessuna verifica”, dice il rapper. “E’ legittimo dire una cosa del genere senza nessuna prova? Comprendo l’ossessione e l’esposizione mediatica, ma questa non può essere una giustificazione. Andiamo oltre…”, dice l’artista. “Comunque vada, Chiara sarà sempre la mamma dei miei figli e sarà la donna più importante della mia vita indipendentemente dal fatto che l’amore possa andare avanti o meno. Spero che il clima si possa distendere per il bene dei nostri figli”.

La crisi con Chiara Ferragni fino al caso Balocco

“Cosa mi ha legato molto a mia moglie? Onesto? Il sesso. La connessione che avevo… ho… raramente l’ho sperimentata. Mia moglie professionalmente mi ha insegnato che a volte bisogna dire di no. Io dico sempre sì, da povero arricchito. Quando mi hanno proposto di fare X Factor, nessun rapper era disposto a fare tv: ‘mi danno un sacco di soldi, perché dovrei dire no?’. Ho cercato di farle aprire gli occhi su persone che aveva accanto. A volte ci sono riuscito, a volte no. L’unico progetto che ci ha coinvolto insieme è la serie” The Ferragnez. “Per il resto, si è trattato di compartimenti stagni”.

Ha influito il caso del pandoro Balocco sul rapporto? “Sì, sì, sì”, dice Fedez facendo riferimento alla vicenda giudiziaria che coinvolge Chiara Ferragni per l’attività di beneficenza. “Io ho scoperto la vicenda quando è uscito tutto e non l’ho presa benissimo. Io ho una fondazione che è stata controllata dalla testa ai piedi. Non voglio entrare nel merito della vicenda giudiziaria, ma voglio dire una cosa su Chiara. Ho sempre voluto difenderla. E’ giusto che io mi sia preso la merda per questa vicenda, abbiamo scelto di essere The Ferragnez…”.

“L’errore commesso da Chiara”

“Mi ha fatto star male, in questa situazione, l’impossibilità di rispondere di qualcosa che non ho commesso. Per rispondere, dovevo aspettare che un’altra persona gestisse tutto. Io mi sarei difeso da subito, avrei fatto cose completamente diverse”, dice esprimendo un giudizio sulla strategia adottata dall’influencer.

“Ma non è stata questa la ragione per cui è finito il matrimonio, pur avendo contribuito a creare un clima pesante. Chiara poteva gestire meglio la situazione, tutti vedono la cattiva fede: io sono sicuro che non ci sia cattiva fede. Lei ha scelto di prendersi tutte le responsabilità, lei poteva e doveva spiegare che le responsabilità non sono tutte sue. Anche dei manager? Di un manager, uno solo”.

I social e i figli

Dai social dei due personaggi, sono sparite le foto che mostrano i volti dei bambini: “Ho chiesto a Chiara in questo momento di non pubblicare i volti dei bambini. Sto tutelando i miei figli da me stesso, in un momento come questo non voglio danneggiarli. Non posso permettermi che vengano interpretate male cose che riguardano i miei figli. Credo di essere un buon padre, anche se molti ci accusano di aver ‘mangiato’ sulla vita dei nostri bambini. Credo che i genitori, volenti o nolenti, siano traumi per i loro figli. Spero di essere il male minore per loro”.

Fedez a nudo, le risposte

“Il mio umore è altalenante, ho imparato a stare calmo nella tempesta. Non mi piace tirarmi indietro ed è per questo che sono qui. Il caos non è un disvalore, ma ogni tanto va fatto un po’ d’ordine”, dice Fedez nella fase ‘preliminare’ dell’intervista.

“Un mio pregio? Sono fottutamente trasparente. Un difetto? L’impulsività, divento cattivo. Credo di aver superato il limite quando ero molto giovane e sono andato a muso duro contro la politica. Non mi interessa essere amato o odiato, per me funziona comunque essere un personaggio divisivo. Non ho mai barattato la libertà delle mie idee con qualcosa. In passato il sentimento che mi ha caratterizzato di più è stato il rancore. Oggi mi caratterizza la curiosità. In passato ho avuto ‘la guerra in testa’, ho avuto bisogno di avere un nemico. Spero che oggi non sia più necessario”, dice il rapper.

Si parla dell’infanzia e dell’adolescenza a Rozzano: “Vengo da un luogo in cui esiste l’omologazione di periferia, ci sono canoni da rispettare. Non tutte le persone che vengono dalla strada sono fatte per la strada: c’è chi è preda e chi è predatore, io ero la preda. Impari a farti rispettare ma ti picchiano lo stesso. Ne ho prese abbastanza”.

Fedez non ha finito il liceo artistico: “Per come è andata la mia vita, non lo rimpiango”. Nell’adolescenza, c’è stata anche la droga: “E’ durata un anno, poi ho smesso perché a 18 anni ho tentato il suicidio tagliandomi le vene. E’ stato facile entrare nella droga e difficile uscirne. Con l’aiuto dei miei genitori e di altre persone l’ho superato, per me è qualcosa che è successo 10 vite fa”.

Il rap, il successo, Luis Sal

Con il rap, arriva il successo: “La testa ti gira per forza, succede a tutti avere un po’ di delirio di onnipotenza. La mia fortuna è che non ho una gran considerazione di me stesso: non mi davo il valore che avevo sul mercato, questione di insicurezza. Ora succede un po’ meno”. All’epoca, i contrasti con i ‘colleghi’ “mi davano dispiacere. Chi mi attaccava era magari chi mi aveva offerto contratti che non ho firmato. Cosimo (Guè, ndr) dice che mi ha lanciato, ma io ero già famoso…”. Si parla di affari: “Nel 2023 la mia società vale 70 milioni di euro e alla guida c’è mia mamma, che come me non è una persona ‘studiata’. Ha imparato il mestiere in trincea”.

Fedez ha appena chiuso l’avventura con il podcast Muschio Selvaggio, creato con Luis Sal prima della rottura e dell’interruzione del rapporto. “Mi manca Luis Sal? No, sono successe cose spiacevoli per cui ci sono rimasto male. Anche Chiara ci è rimasta male. E’ una persona a cui ho voluto tanto, tanto bene, sinceramente. Non so se dall’altra parte sia successo lo stesso. In futuro dovrò imparare a stare da solo, finora non ho imparato a farlo”.

La malattia

“Con il cancro mi è successa una cosa orribile. Per 2 anni ho perso la paura di morire, è tosta. Se non hai paura di morire, non dai valore alla vita. Ora però ho smesso di pensarlo”, dice rispondendo ad una domanda sul cancro al pancreas. (Adnkronos)