Mar 21 Mag 2024
spot_img

banner greco elezioni europee

HomeAttualitàStangata sui ponti di primavera, dai...

Stangata sui ponti di primavera, dai voli alla benzina gli italiani spenderanno il 10,5% euro in più

Circa il 10,5 % in più rispetto allo scorso anno costeranno i ponti di primavera agli italiani rispetto a causa dei forti aumenti di prezzi e tariffe in tutto il comparto turistico e dei trasporti, con un aggravio di spesa da 780 milioni di euro.

Lo afferma Assoutenti, che fornisce le stime sulle spese che attendono le famiglie in vista delle festività del 25 aprile dell’1 maggio.

“A pesare sui ponti saranno quest’anno i rincari che stanno interessando tutto il comparto turistico, e che toccano ogni aspetto delle vacanze: i pacchetti vacanza, ad esempio, hanno registrato nell’ultimo mese un aumento del +8,2% su base annua, ma sensibili rincari riguardano anche gli alberghi, che hanno ritoccato le tariffe del +6,9%, e gli alloggi in altre strutture (b&b, case vacanza, ecc.), che segnano un +8,4% su anno.

Proibitivo spostarsi in aereo: i voli nazionali aumentano del 19,1% rispetto al 2023, quelli europei del 16,5%, +7,3% i voli internazionali. Non andrà meglio a chi sceglie il treno: i biglietti rincarano dell’8%, mentre autobus e pullman salgono del 4%. Chi si sposterà in auto dovrà fare i conti con gli ultimi rialzi dei carburanti: la verde è aumentata del +8,3% da inizio anno, con un pieno che costa circa 7,5 euro in più”, emerge dall’analisi di Assoutenti.

I ponti di primavera costeranno così agli italiani circa il 10,5% in più rispetto allo scorso anno, determinando a parità di consumi una stangata da circa 780 milioni di euro su chi si metterà in viaggio nei prossimi giorni”, afferma il presidente Gabriele Melluso.

Il caro prezzo sui viaggi

Per i pacchetti vacanza +8,2%; alberghi e motel +6,9%; alloggio in altre strutture +8,4%; parcheggi +2,4%; pedaggi +1,9%; treni +8,0%; pullman +4.0%; voli nazionali +19,1%; voli europei +16,5%; voli internazionali +7,3%; parchi di divertimento +4,0%: musei, monumenti storici +3,7%; ristoranti +3,8%; bar +3,2%; gelaterie +3,9%; fast food +3,8%.

La scelta delle mete nazionali

Un italiano su tre (34%) farà ponte in occasione del 25 aprile, sfidando le previsioni meteo negative con il ritorno del freddo dopo un’estate anticipata. Ad affermarlo è l’indagine Coldiretti sui ponti di primavera.

La stragrande maggioranza degli italiani sceglierà località nazionali che consentono di ottimizzare il tempo limitato a disposizione, dal mare alle città d’arte fino alla campagna e alla montagna. L’alloggio preferito sono le abitazioni di proprietà o di parenti ed amici seguite da alberghi e dai bed and breakfast. Gettonatissimi gli agriturismi.

“I risultati dei ponti di primavera – spiega la Coldiretti – rappresentano un segnale importante per la stagione turistica estiva quasi alle porte nonostante le preoccupazioni legate alla difficile situazione.