Mar 25 Giu 2024
spot_img
HomeCostume & SocietàTra storia e devozione: la celebrazione...

Tra storia e devozione: la celebrazione della Madonna Nera di Crotone

La Festa della Madonna di Capocolonna è un evento annuale che si svolge a Crotone, una città con radici nella Magna Grecia. Quest’anno, la celebrazione avrà luogo il 19 maggio, la terza domenica del mese mariano.

La festa è un tributo alla Madonna Nera, una figura venerata che, secondo la tradizione, ha protetto la città durante gli assedi turchi. La processione notturna verso Capocolonna con l’icona della Madonna Nera è un momento culminante della festa.

Storia e tradizione

La Madonna di Capocolonna simboleggia il legame materno che si estende alla comunità crotonese. Il culto inizia il 30 aprile con la “calata” del quadro della Madonna dall’altare della cattedrale di Crotone. Il rito del bacio, un altro momento significativo, si svolge il giovedì della seconda settimana di maggio, seguito da una processione sabato fino all’ospedale civile “San Giovanni di Dio”. La notte tra il terzo sabato e domenica di maggio, quest’anno il 18 maggio, si tiene il pellegrinaggio a Capo Colonna.

Il quadro e la leggenda

L’icona della Madonna Nera è avvolta da storie e leggende. Alcune fonti la collegano alla Magna Grecia e al culto della Dea Madre, Hera Lacinia. Con l’avvento del Cristianesimo, il culto si trasferì a Maria. La leggenda narra che l’icona sia stata dipinta da San Luca e donata da San Dionigi l’Areopagita, o portata dai monaci basiliani dalla Puglia.

La Madonna e gli assedi turchi

L’icona è legata anche agli assedi turchi del 1519. I turchi tentarono di bruciare il quadro senza successo e, dopo averlo gettato in mare, fu ritrovato e nascosto da Agazio Lo Morello. Alla sua morte, il segreto fu rivelato e il quadro fu portato sul promontorio, dando vita al culto della Madonna di Capocolonna.

Il pellegrinaggio notturno

Il pellegrinaggio notturno del terzo sabato di maggio inizia con la liturgia della parola nel duomo, seguita dalla processione con il “Quadricello”. La comunità partecipa numerosa, esprimendo la propria devozione con canti e preghiere lungo il percorso.

La Festa Grande

Ogni sette anni, la festa assume maggiore importanza, diventando la Festa Grande. Il quadro originale, modificato nel 2008 con l’aggiunta di 12 stelle, viene portato in processione su un trono dorato. La prossima Festa Grande si terrà nel 2026.