Mer 19 Giu 2024
spot_img
HomeAttualitàLa sfida di Pietro Ciucci: «Il...

La sfida di Pietro Ciucci: «Il Ponte sullo Stretto si farà entro il 2032»

Dopo il blocco posto al progetto nel 2012 da parte del Governo di Mario Monti, la nuova vita del ponte sullo Stretto di Messina è cominciata proprio nel giugno del 2023, con la nomina dello stesso Ciucci alla carica di amministratore delegato della società, ruolo che aveva già ricoperto dal 2002 fino al momento dell’interruzione.

Intervistato da Claudio Brachino per la rubrica Primo Piano dell’agenzia Italpress, l’ex presidente e direttore generale dell’Anas ha chiarito i vari aspetti che ruotano intorno alla realizzazione dell’opera, a partire dai prossimi passaggi burocratici e normativi che si attendono per dare inizio effettivo ai lavori:

“Abbiamo fatto molto negli ultimi dieci-dodici mesi, con il progetto del ponte sullo stretto di Messina che è ripartito di fatto a giugno dello scorso anno. Una governance totalmente riconfigurata – ha ricordato l’ad di Stretto di Messina Spa -, con un aumento di capitale e un cambio della strutturazione area della società”.

Ciucci spiega inoltre:

“Siamo partiti da due pilastri fondamentali, la valutazione di impatto ambientale e la conferenza dei servizi. Tante cose sono stata fatte e, di certo, ce ne sono ancora tante da fare. Voglio ricordare anche che ci troviamo in Italia, dove la procedura per la realizzazione non è affatto semplice, anzi è ricca di ostacoli.

Entro fine anno contiamo di avere la valutazione di impatto ambientale e la delibera del CIPES, che ci consentiranno di passare alla fase attuativa”.