Dom 16 Giu 2024
spot_img
HomeAttualitàDdl Sicurezza, No Ponte Calabria: «Con...

Ddl Sicurezza, No Ponte Calabria: «Con emendamento Lega in gioco la libertà di tutti»

«La notizia della presentazione da parte del leghista Iezzi di un emendamento al ddl Sicurezza, per inasprire pesantemente le pene a chi “minaccia la prosecuzione delle opere strategiche”, ha scatenato una ridda di giuste reazioni e polemiche.

Fa specie che questa proposta segua solo di qualche giorno la bella e partecipata manifestazione No Ponte di Villa San Giovanni, tuonando come una minaccia per chi ha attraversato le strade dello Stretto per dire no alla svendita del proprio territorio e alla sua salvaguardia».

È quanto si afferma in una nota del coordinamento No Ponte Calabria

«Proprio Salvini, da ministro degli Interni – è detto nella nota – inaugurò con i suoi decreti “sicurezza” una nuova stagione caratterizzata dalla contrazione di diritti e dalla repressione di chi dissente. Una proposta emendativa quindi assolutamente consequenziale alla linea politica del ministro del Ponte e dell’attuale governo, che fa poco o nulla per nascondere la sua natura reazionaria e antiliberale.

Un governo e un ministro che provano a mostrare i muscoli con i più deboli ma proni e supini ai diktat dei potenti, come dimostra ad esempio il codice degli appalti promosso sempre da Salvini e che ha liberalizzato ulteriormente il sistema degli appalti, abbassando i controlli e favorendo il subappalto, alla faccia della “sicurezza” e delle quotidiane morti sui posti di lavoro».

«Quando abbiamo detto più volte – sostengono i No Ponte calabresi – che avremmo ostacolato in tutti i modi l’avvio di un cantiere infinito, perché è questo che vorrebbero fare e nient’altro, lo abbiamo fatto ben conoscendo il peso delle nostre parole, e non sarà di certo questo emendamento a farci paura adesso. Casomai è proprio il segnale della loro di paura, dell’enorme difficoltà in cui si trovano dopo aver provato a cavalcare una propaganda fallimentare.

Ma il punto non è quanto siamo impavidi o timorosi, né tanto meno è questione di Ponte Sì o Ponte No: in questo momento ci sono in gioco la libertà di tutte e tutti a manifestare le proprie idee, la libertà ad informare correttamente senza subire intimidazioni, gli stessi diritti sanciti dalla nostra Costituzione».