Mar 25 Giu 2024
spot_img
HomeCostume & SocietàTra i Giganti della Sila e...

Tra i Giganti della Sila e il vigneto più alto d’Europa: un viaggio enogastronomico

Nel cuore del Parco Nazionale della Sila, sorge Cava di Melis, un incantevole borgo parte del Comune di Longobucco.

Qui, il visionario Emanuele De Simone ha dato vita al suo sogno con l’azienda agricola Immacolata Pedace, lanciando un progetto pionieristico che ha portato alla creazione del Vigneto più alto d’Europa.

Situato a circa 1300 metri di altitudine, questo vigneto offre una vista spettacolare, abbracciato dalla foresta di Pini Larici e affacciato sul lago Cecita. Le varietà coltivate includono Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Pinot Bianco e Chardonnay, esempi di Viticoltura Eroica che sopravvivono agli inverni rigidi, con temperature che possono scendere fino a -20°C.

I Giganti della Sila, alberi monumentali e unici, sono testimoni viventi del paesaggio storico della regione. La visita guidata offre un viaggio attraverso la storia romana del luogo e l’esplorazione della ricca biodiversità del bosco.

Dopo aver ammirato i Giganti, i visitatori esploreranno il Vigneto più alto d’Europa, esteso su circa 20.000 mq. Qui, Emanuele De Simone conduce gli ospiti in un’avventura sensoriale tra i filari, dove si producono vini di alta qualità, freschi e intensi, arricchiti dagli aromi unici della Sila.

La degustazione in cantina è il culmine dell’esperienza, con vini IGP come il “Chione” (bianco), “Silva” (rosato) e “Lykos” (rosso), che incarnano la tenacia e l’identità della terra silana.

Ogni weekend, da giugno a ottobre, gli appassionati di vino e natura possono prenotare o regalare un’esperienza enogastronomica unica. Immersi nella bellezza dei Giganti della Sila, i visitatori possono scoprire la storia e la natura di questa riserva, degustando vini che sono il frutto di un lavoro amorevole e rispettoso dell’ambiente.

Questo vigneto non solo celebra la tradizione e l’innovazione, ma anche il rispetto per la natura e la biodiversità, elementi che si riflettono nella qualità e autenticità dei suoi prodotti. Contribuisce inoltre a valorizzare il Parco Nazionale della Sila, promuovendo la conservazione ambientale e un turismo sostenibile.