Mer 19 Giu 2024
spot_img
HomeEconomiaEconomia e LavoroCrisi Abramo, la clamorosa protesta dei...

Crisi Abramo, la clamorosa protesta dei dipendenti: non andranno a votare

Il licenziamento è stato preannunciato il prossimo 30 giugno e in 1000 potranno perdere il posto.

Ma i dipendenti di Abramo Customer Care non ci stanno. E hanno deciso di protestare non andando a votare alle Europee ed invitano i cittadini a solidarizzare con loro facendo altrettanto.

A inscenare la protesta sono i 500 dipendenti della sede di Crotone ai quali, idealmente, si vanno ad aggiungere i circa 300 di Cosenza ed i 200 di Catanzaro che dovranno dire addio al loro posto di lavoro.

I partecipanti alla manifestazione di Crotone hanno quindi deciso di consegnare le loro tessere elettorali: decine le persone che le hanno depositato in appositi contenitori per poi portarle al prefetto.

“Rimetteremo nelle mani dell’autorità di governo locale, e quindi dello Stato – hanno sostenuto i dipendenti in un documento – il nostro diritto-dovere di cittadini elettori. Perdere 500 posti di lavoro equivale, in questo territorio, alla morte economica e sociale.

Uomini e donne senza lavoro vengono privati della dignità e del futuro. E quindi di una reale cittadinanza. Il tempo, ormai, é quasi scaduto, ma non intendiamo rassegnarci e neanche arrenderci. Non vogliamo e non possiamo farlo. Lottiamo per il posto di lavoro e questa lotta ci deve vedere uniti. Ciò che chiediamo ai cittadini é di essere con noi”.