Sab 30 Mag 2020
Advertising
Home Sanità Carenza medici, la denuncia del Codacons

Carenza medici, la denuncia del Codacons

- Advertisement -

Tra soli sei anni in Calabria mancheranno circa 1400 medici.  La carenza di camici bianchi che interessa tutto il paese peggiorerà di anno in anno. La causa è da addebitare ai pensionamenti che non riusciranno ad essere compensati dalle nuove assunzioni. A denunciare la scarsa dotazione organica in materia sanitaria è il Codacons – che richiama gli allarmi lanciati da tutte le organizzazioni del settore, dall’Anaao all’ Osservatorio Nazionale sulla Salute – chiedendo un incontro al commissario straordinario della Sanità Calabrese, Saverio Cotticelli.

Anche in Calabria si sta andando incontro ad un inevitabile futuro peggioramento del servizio sanitario reso all’utenza, sia in termini quantitativi che qualitativi, a causa della carenza di medici nelle corsie degli ospedali e presso le strutture territoriali – spiega il Codacons – Per affronta l’emergenza medici abbiamo deciso di inviare una istanza alla Regione Calabria, chiedendo di accreditare presso il Servizio Sanitario gli studi medici privati, al pari di quanto già avviene con le cliniche convenzionate, che devono operare per sopperire alla mancanza di camici bianchi.

Per l’associazione basterebbe infatti apportare le necessarie modifiche alla normativa vigente per consentire a tutti i pazienti di poter accedere in modo il più possibile agevole alle prestazioni di cui necessitano, in particolare attraverso l’introduzione della possibilità di ottenere la prestazione sanitaria presso strutture private non accreditate a fronte del pagamento del ticket sanitario regionale, ovvero in esenzione laddove prevista, al pari di quanto già avviene presso le strutture private accreditate o presso gli enti sanitari pubblici.