Cala il sipario sulla 34 edizione dell’Estate Internazionale Del Folklore

17
Cala il sipario sulla 34 edizione dell'Estate Internazionale Del Folklore

Diverse culture, una sola anima. Questa è stata l’Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino 34 edizione. Nella serata conclusiva in circa 3000, hanno affollato il “Villaggio Festival” location di quest’anno che,  ha riportato la manifestazione dove tutto ebbe inizio. Un evento importante, intriso di tanti elementi: intrattenimento, spettacolo, sociale ed incontri ; soprattutto tante culture, tradizioni che si sono unite in un unico abbraccio, quello della fratellanza.

Un lungo viaggio, durato 8 giorni, dove gli attori  principali sono stati i gruppi provenienti da: Argentina-Bolivia-Botswana-Brasile-Cecenia-Cina-Perù-Sud Africa e naturalmente Italia con il gruppo ospitante la kermesse “Città di Castrovillari” che, nella serata conclusiva ha emozionato dedicando lo spettacolo a Mirko Ruberto, componente del gruppo, morto prematuramente. Un lungo applauso si è levato dal pubblico quando, sul widiwool è apparsa la sua  foto. Commozione allo stato puro. E il “ viaggio” è stato raccontato anche  dalla coreografia, montata da Tilde Nocera, interpretata dalla ragazze del progetto CEA ( Centro Espressioni Artistiche) e da alcuni componenti dei gruppi partecipanti.

A portare i saluti al popolo del festival,  il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, il presidente del Parco del Pollino, Mimmo Pappaterra, il consigliere regionale, Gianluca Gallo. Tutti hanno sottolineato che “Nonostante  siano passati solo sei lustri , il Festival Internazionale del Folclore,   persiste , fiero, nel segno dell’integrazione delle etnie e delle loro culture che lo fanno grande, ribadendo che l’evento è l’occasione per ribadire l’universalità di alcuni valori come la Fratellanza, la Pace, l’Amore verso gli altri. La setata, presentata dal patron Antonio Notaro e da Cinzia De Santis, ha visto la partecipazione tra gli altri, degli amministratori locali, di rappresentanti della FITP e dello IOV Italia. E nelle serate precedenti, la presenza  del presidente Mondiale dell’IGF, Dorel Cosma, accompagnato dalla figlia Doris, che si è complimentato con il patron Notaro, per l’ottima organizzazione e per la scelta dei gruppi partecipanti.

Pubblicità