Sab 31 Lug 2021
Advertising
Home Politica Regionali: il vero vincitore è uno...

Regionali: il vero vincitore è uno solo

Nonostante una leggera risalita, il trend sembra essersi consolidato: alle Regionali in Calabria ha votato meno di un calabrese su due. 

I calabresi chiamati al voto sono circa 1,8 milioni, ma la maggior parte di essi ha preferito defilarsi dalle urne.

Insomma, poco è cambiato rispetto alle scorse competizioni. Alla chiusura dei seggi al voto per eleggere il nuovo governatore ed il nuovo consiglio regionale della Calabria nel 2020 è andato il 44,32% degli aventi diritto al voto. La stessa percentuale di 5 anni fa quando si arrivò al 44,16%. Quella di Crotone è la provincia dove ha vinto l’astensionismo con il 39,56% in calo rispetto al 2014 quando aveva superato di poco il 40%. A Catanzaro ha votato il 46,78% (nel 2014 era stato il 45,01%; a Reggio Calabria è stato raggiunto il 45,40% dei votanti (44,63% nel 2014), mentre a Cosenza c’è stato un leggero calo 44,10% contro il 44,73% del 2014, a Vibo Valentia si è recata alle urne il 41,35% (41,91% nel 2014).

Oramai il dado è tratto: il nuovo presidente della regione Calabria è Jole Santelli. I voti contati, impazzano le analisi politiche sul voto,ma il buco nero dell’astensionismo, il rifiuto del voto che ha colpito quasi metà degli elettori, è sotto gli occhi di tutti.

Il fenomeno, forse, si spiega con il fatto che nella nostra regione c’erano aspettative molto elevate che sono state tradite. Ovviamente incidono anche la crisi che va avanti da anni e gli scandali che hanno colpito i consigli regionali, la delegittimazione complessiva dell’istituto regionale.

Nel passato, molto probabilmente, una certa astensione esprimeva una forma di protesta verso il partito di appartenenza, un messaggio di disapprovazione. C’era insomma una forma di partecipazione attiva anche nell’astensione e si poteva tranquillamente tornare a votare al turno successivo. Oggi, invece siamo di fronte ad una massa di elettori che scivolano dall’astensionismo “attivo” verso l’altra forma, quella dell’apatia che tende a tenerli costantemente lontano dai seggi. I cittadini cominciano ad essere sempre di più disillusi davanti alla mancanza di risposte.

Nonostante l’amara analisi sull’astensionismo, un dato è certo: in politica contano i numeri ed in Calabria ha stravinto le elezioni la candidata del centrodestra Jole Santelli