Spaccio di droga a Cosenza, 15 condanne in primo grado

tribunale-condanne-droga-spaccio-cosenza
Pubblicità

Si è concluso oggi, nel tribunale di Cosenza, il processo di 1 grado scaturito dall’inchiesta “Mater”. Quindici le condanne, due le assoluzioni e la trasmissione degli atti in procura per altre 11 persone accusate di calunnia e falsa testimonianza.

L’inchiesta, coordinata dalla procura di Cosenza e condotta dai carabinieri nel 2017 è riuscita a smantellare una grossa rete di spacciatori nella città di Cosenza.

Inchiesta che fece molto scalpore perchè prese le mosse dalla denuncia di una madre, che coraggiosamente per salvare il proprio figlio dai debiti di droga e dai continui ricatti, si era rivolta ai carabinieri di Cosenza che con un lavoro certosino riuscirono a ricostruire le dinamiche di innumerevoli eventi di spaccio che si perpetuavano da tempo in ogni angolo della città dei bruzi.

La sentenza di primo grado pronunciata oggi nel tribunale di Cosenza ha visto assolti con formula piena Luigi Storino e Walter Filice, mentre le condanne sono state pronunciate per: Mirko Capizzano – 5 anni e 2 mesi di reclusione; Giuseppe Gozzi – 4 anni di reclusione; Marco Perna  – 3 anni e 9 mesi di reclusione; Donovan Falbo – 2 anni e 7 mesi di reclusione; Ernesto Mele – 2 anni di reclusione; Salvatore Calandrino – 1 anno e 6 mesi di reclusione; Francesco Mazzei – 1 anno 6 mesi reclusione; Agostino Ritacco – 1 anno e 2 mesi di reclusione; Gianluca Polillo – 10 mesi di reclusione; Francesco Mosciaro –  8 mesi di reclusione; Francesco Angelo Bartolomeo – 7 mesi di reclusione; Giuseppe Cofone –  7 mesi di reclusione; Antonio Andali – 6 mesi di reclusione; Alberto Novello – 6 mesi di reclusione; Stefano Giannini – 4 mesi di reclusione.  Disposta la trasmissione degli atti alla procura per l’accusa di calunnia nei confronti di Vincenzo Aiello, Daniel Pugliese, Andrea Zicarelli, Giuseppe Pugliese e Tommaso Sigillo. Per falsa testimonianza Giampaolo Arcuri, Gaglianese Riccardo, Carpino Luigi, Maria De Ruvo e Pamela D’Ambrosio. Per calunnia e falsa testimonianza, infine, Antonio Germano.

Pubblicità