Coronavirus, seconda vittima italiana. In Calabria allarme rientrato

Coronavirus-lombardia-due-vittime
Pubblicità

Il coronavirus fa un’altra vittima in Italia, dopo l’uomo morto ieri sera in Veneto. Secondo fonti sanitarie si tratta di una donna di Casalpusterlengo di 78 anni, che viveva da sola. La donna aveva la polmonite ed era in attesa del risultato del tampone, che sarebbe però arrivato dopo il suo decesso.

Due nuovi casi nel Nord Italia, uno a Dolo, nel Veneto ed uno a Cremona in Lombardia. In Veneto, dopo i due uomini, tra i quali uno deceduto ieri, c’è una persona risultata positiva al test a Dolo, nel veneziano, ed è ricoverata in terapia intensiva. Gli accertamenti sono stati fatti dal centro di riferimento regionale di Padova. Come da prassi il campione è stato inviato allo Spallanzani di Roma per la conferma.

Sono dunque 34 al momento i casi accertati di contagio da coronavirus in Italia. Oltre alle due vittime – una in Veneto e una in Lombardia – ci sono state 27 positività in Lombardia, tre nel Lazio (la coppia di turisti cinesi e il ricercatore italiano rientrato da Wuhan) e due in Veneto.

Intanto si apprende, con gioia, la notizia dell’esito negativo al coronavirus sulla ragazza catanzarese rientrata ieri sera dal veneto. La 26enne era stata ricoverata all’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro dopo essere sbarcata all’aeroporto internazionale di Lamezia Terme, con sintomi riconducibili a patologie influenzali. I risultati del test per SARS-CoV19, effettuato in sede, sono risultati negativi.

Pubblicità