Bandi attivi nazionali e regionali, l’elenco

badi-attivi-regionali-nazionali
Pubblicità

a cura di Anna InfantePiano B Event Project Management

Pro memoria su alcuni del bandi attivi più importanti nazionali e regionali

Questa settimana abbiamo pensato di riassumere all’interno della rubrica “Avvia il tuo Piano B” alcuni dei bandi attivi più importanti a livello nazionale e regionale, alcuni dei quali già trattati in questo spazio. 

E’ ancora attivo il bando Internazionalizzazione promosso dalla Regione Calabria che mira ad  incrementare e qualificare la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle imprese regionali sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese.  Possono presentare domanda le PMI calabresi;I lavoratori autonomi calabresi, anche in associazione;I consorzi, le società consortili di imprese, le reti di PMI calabresi già costituiti e comprensivi di almeno 4 imprese.

Sono finanziabili interventi relativi a

  • La partecipazione a fiere e saloni internazionali e la realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
  • La realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero;
  • La promozione di incontri bilaterali e partnership tra operatori italiani ed esteri;
  • L’attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri;
  • Il rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione;
  • La certificazione per l’export.

Le agevolazioni  sono concesse nella forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di: € 200.000,00 per progetti proposti da consorzi/società consortili, reti di imprese o associazioni tra lavoratori autonomi; € 50.000,00 per progetti proposti da singole PMI o singoli lavoratori autonomi. La selezione è “a sportello valutativo”.

Due invece gli interventi interessanti promossi dal MISE : Disegni +4 e Marchi +3

Disegni +4  ha come obiettivo il sostegno alle MPMI per interventi di valorizzazione di disegni/modelli industriali. Possono partecipare micro, piccole e medie imprese in forma singola, con progetti che riguardino la messa in produzione di nuovi prodotti derivati da disegni/modelli registrati, la commercializzazione di disegni/modelli industriali, o entrambi gli interventi. Per progetti di produzione il contributo a fondo perduto arriva a 65.000 €, mentre per la commercializzazione l’agevolazione non potrà superare i 10.000 €. Il form per l’attribuzione del numero di protocollo è già disponibile e sarà attivo fino ad esaurimento scorte (13 milioni di €).

MARCHI +3 è rivolto alle Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) italiane in forma singola e rientra nel programma di agevolazioni alle imprese per favorire la tutela della proprietà intellettuale nel contesto europeo. Il bando, chiuso in precedenza per esaurimento delle risorse, ha riaperto con una nuova dotazione di 3 milioni di euro circa. Il contributo a fondo perduto sarà erogato a copertura del 90% dei costi ammissibili del progetto fino ad un massimo di 20.000 €.

I progetti agevolabili riguarderanno l’acquisto di servizi specialistici per la tutela e l’estensione all’estero di marchi registrati.  Sarà possibile presentare domanda dal 30 marzo 2020 fino ad esaurimento risorse.

Ancora, a livello nazionale, giunge alla quinta edizione il bando  “Welfare che Impresa!” promosso da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, UBI banca, Fondazione Snam, Fondazione con il Sud e Fondazione Peppino Vismara, e prevede 40.000 € a fondo perduto per progetti di sviluppo locale.

Sono finanziabili progetti aventi impatto sociale, che favoriscano occupazione giovanile e delle categorie svantaggiate, e possano essere promuovibili attraverso la creazione di reti.

I progetti con maggiori possibilità di finanziamento inoltre dovranno prevedere l’adozione di tecnologia digitale, l’elaborazione di un piano di sostenibilità economica ed avere già confermato la fattibilità.

Saranno premiati i progetti secondo la seguente graduatoria: 1° classificato: 40.000 € a fondo perduto

Dal 2° al 4° classificato 20.000 € a fondo perduto. Sono previsti inoltre premi speciali messi a disposizione dalle fondazioni e dai partners promotori, e sessioni di mentorship, spese di trasferta e finanziamenti a tasso 0% (fino a 50.000 €) per tutti gli enti vincitori. C’è tempo fino al 27 marzo per presentare la propria candidatura.

Il bando Isi di INAIL risponde alle esigenze normativa di sicurezza e salute dell’ambiente di lavoro, e prevede un’agevolazione per le MPMI (micro, piccole e medie imprese, anche individuali) spendibile per progetti volti al miglioramento delle condizioni di lavoro dei propri dipendenti.

Le risorse sono divise per assi di finanziamento, e distribuite per regione. Il contributo, in conto capitale, per gli interventi nell’Asse 1, 2 e 3 copre fino al 65% delle spese ammissibili da un minimo di 5000 € fino ad un massimo di 130.000 €, eccetto per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano un progetto per l’asse 1, per cui non è fissato un limite di finanziamento. Per gli interventi dell’Asse 4 il contributo copre fino al 65% delle spese da un minimo di 2000 € fino ad un massimo di 50.000 €. Il contributo per gli interventi in Asse 5 varia in base al sub-asse:  40% delle spese per il sub-asse 5.1 (generalità delle imprese agricole); 50% delle spese per il sub-asse 5.2 (giovani agricoltori).

Entrambi i sub-assi prevedono un minimo di spesa di 1000 € ed un massimo di 60.000 €.

La presentazione delle domande è a sportello con la modalità del “Click Day” dal 16 aprile 2020 fino al 29 maggio 2020.

Per maggiori info puoi contattare Piano B Event Project Management scrivendo a: [email protected]

Pubblicità