Mer 21 Ott 2020
Advertising
Home Cronaca Politici e gente comune rendono omaggio...

Politici e gente comune rendono omaggio a Jole Santelli

Il mondo della politica e moltissimi cittadini comuni rendono omaggio alla salma della Presidente Jole Santelli. Fuori dalla sua abitazione in via Piave a Cosenza una coda di persone in attesa di entrare per porgerLe l’ultimo saluto. In tantissimi assiepati davanti alla sua casa come se le volessero far sentire vicinanza, stima, ammirazione. Una folla composta, triste che vuol riverire non la sua governatrice, ma Jole la donna forte che ha dimostrato di voler andare avanti nonostante tutto.

La Calabria ha perso una combattente, un concetto riconosciuto all’unanimità.

Jole Santelli, la presidente della Regione Calabria, avrebbe compiuto 52 anni il prossimo 28 dicembre ed era stata proclamata il 15 febbraio 2020. Iscritta a Forza Italia dal 1994, era stata eletta per la prima volta alla Camera dei deputati nel 2001. Era stata rieletta in ogni successiva tornata elettorale delle Politiche, per complessive cinque legislature. Era la prima donna ad essere stata eletta in Regione dopo una carriera politica iniziata più di 25 anni fa in Forza Italia, partito che non aveva mai abbandonato.

Per lei, in passato, anche incarichi di governo.  E’ stata sottosegretario alla Giustizia (dal 2001 al 2006) nel secondo e terzo governo Berlusconi, e sottosegretario al Lavoro e Politiche sociali nel governo guidato da Enrico Letta. La Santelli, inoltre, aveva ricoperto anche il ruolo di vicesindaco e assessore al Comune di Cosenza nella Giunta guidata da Mario Occhiuto dal 28 giugno 2016 fino al 9 dicembre scorso, quando si era dimessa per le polemiche legate alla sua candidatura alle Regionali dopo che era tramontata la candidatura dello stesso Occhiuto.

Da anni malata di tumore ai polmoni, è morta nella sua abitazione durante la notte. Secondo le prime notizie a trovarla priva di vita sarebbe stato il collaboratore domestico, che ha subito avvisato la sorella della governatrice. La causa del decesso sarebbe da ricondurre ad un arresto cardiocircolatorio, in seguito al blocco dei polmoni.