Gio 17 Giu 2021
Advertising
Home Attualità Sileri: attenzione riaperture, aumenteranno contagi tra...

Sileri: attenzione riaperture, aumenteranno contagi tra i giovani

Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, ha affermato: “Dobbiamo andare per gradi, facendo solo ed esclusivamente passi in avanti e non indietro. Credo che osserveremo un aumento dei contagi nella popolazione più giovane. Ma questo non dovrebbe comportare un aumento rilevante del numero delle ospedalizzazioni. Per questo penso che da metà maggio potremo procedere con ulteriori riaperture. Penso, ad esempio, a coloro che organizzano matrimoni, che al momento sono quelli più indietro rispetto alle riaperture”.

Sileri poi ha sottolineato: “La cosa importante è avere una tabella di marcia, non si può dare una data, però si può dire che le vaccinazioni stanno andando molto bene e arrivati a un certo target riusciremo a fare le cose. È importante dare una scaletta di riaperture come abbiamo fatto nell’ultimo decreto, che penso riusciremo ad anticipare ulteriormente grazie all’andamento delle vaccinazioni e dei dati che stanno andando meglio anche se non in maniera eccezionale per quanto riguarda il numero dei contagi. Oggi è molto più probabile che si contagi un giovane perché non ha fatto il vaccino, ma è molto meno probabile che questo finisca in ospedale rispetto ad un over 60″.

Il sottosegretario alla Salute si aspetta che: “Entro due settimane tutte le Regioni in fascia gialla e il coprifuoco alle mezzanotte. E i ristoranti potranno lavorare anche al chiuso. A metà giugno, quando 30 milioni di italiani avranno ricevuto la prima dose, allora vedremo anche Regioni in fascia bianca“.

Sileri ha poi fatto presente che con le riaperture i contagi aumenteranno, “ma solo per le fasce di età più giovani, come avvenuto nel Regno Unito e in Israele”. Per questo dobbiamo “comunque vigilare e a questo, lo ripeto, serve il sistema dei colori. E soprattutto questa estate dovremo fare di tutto per convincere anche i più giovani a vaccinarsi“.