Mar 15 Giu 2021
Advertising
Home Attualità Salute&Benessere Vaccino Covid: si va verso la...

Vaccino Covid: si va verso la terza dose

Il ministero della Salute e la struttura commissariale del generale Francesco Paolo Figliuolo sono al lavoro per stabilire modalità e tempi e il tipo di preparato da usare per il nuovo richiamo, ed è in fase di definizione il piano post emergenza. La strada da seguire sembrerebbe quella di un passaggio dalla campagna vaccinale attuale a una più simile a quella antinfluenzale.

Secondo quanto riporta Repubblica, la terza dose dovrà essere inoculata almeno nelle fasce di popolazione più a rischio, dunque over 60 e fragili, e a chi svolge lavori essenziali, come operatori sanitari e forze dell’ordine.

Grazie all’uso dei vaccini il coronavirus dovrebbe diventare endemico, come avvenuto per il virus dell’influenza. È prevedibile che si presenti leggermente diverso ogni anno, rappresentando un pericolo principalmente per anziani e fragili.

L’unica certezza, per logica, sembrerebbe essere il tipo di vaccino che verrà utilizzato. La Commissione europea non confermerà i contratti con AstraZeneca e Johnson & Johnson, considerati i seppur minimi rischi di sviluppare trombosi atipiche.

Tuttavia è già sul tavolo l’accordo per avere 900 milioni di dosi di Pfizer, considerato più affidabile e sicuro. Una fornitura di questo tipo dovrebbe bastare per coprire tutte le categorie che necessitano della terza dose.

L’idea sarebbe quella di affidare a medici di base e pediatri la campagna vaccinale, con la distribuzione delle dosi dilazionata nel tempo, in modo da garantire la copertura in diversi periodi a chi ne ha bisogno.

Silvestro Scotti, segretario della Federazione italiana dei medici di Medicina generale, ha riferito a Repubblica che “sarà una campagna molto spalmata nel tempo, che potrebbe arrivare a marzoaprile o maggio“.