Mar 7 Dic 2021
spot_img
HomeEconomiaEconomia e LavoroGreen pass: al Porto Gioia Tauro...

Green pass: al Porto Gioia Tauro assenti in 60 ma nessun blocco

Nessun blocco o problema particolare al porto di Gioia Tauro, il più grande scalo di import ed export italiano, in concomitanza con l’introduzione dell’obbligo del green pass.

Tra il primo turno, scattato all’una e terminato alle 7 di stamane, e il secondo iniziato alle 7 e che si concluderà alle 13, si contano una sessantina di lavoratori su 280 totali che non si sono presentati perché sprovvisti del certificato verde.

La situazione nello scalo è tranquilla e le attività si svolgono regolarmente. Ieri pomeriggio le federazioni di categoria di Cgil, Cisl e Uil hanno raggiunto un accordo nell’ambito del Comitato di igiene e sicurezza convocato dal presidente dell’Autorità di Sistema portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio, Andrea Agostinelli, con il terminalista Mct cui fanno capo 1.350 lavoratori, le aziende portuali e il medico dello Spisal. Nel corso della riunione è stata accertata la disponibilità del terminalista di farsi carico della campagna tamponi a favore di quei dipendenti portuali che non sono in possesso di Green Pass.

Al momento, da quanto riferito dai portuali, non sarebbero ancora disponibili i tamponi gratuiti messi a disposizione dalla Med Center Container terminal, probabilmente per problemi legati all’organizzazione del servizio.