Mer 19 Gen 2022
spot_img
HomeAttualitàEconomiaTassa sui rifiuti, stangata per le...

Tassa sui rifiuti, stangata per le famiglie calabresi: +5,9% rispetto al 2020

E’ di 324 euro la cifra spesa nel 2021 da una famiglia in Calabria per la tassa rifiuti (312 euro la media nazionale), con un aumento del 5,9% rispetto al 2020.

La regione con la spesa più elevata resta la Campania (416 euro, -0,6% rispetto al 2020) mentre quella con la spesa media più bassa è il Veneto (232 euro), dove si registra anche una diminuzione del 4% circa rispetto all’anno precedente.

È il quadro che emerge dalla annuale rilevazione dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, secondo cui a livello territoriale si registrano aumenti in dodici regioni: incremento a due cifre in Liguria (+10,3%), segue la Basilicata con +8,1%, il Molise con +6,1% e la Calabria con +5,9%; tariffe in diminuzione in sei: in Sardegna si registra un -5% e in Veneto un -3,8%.

In particolare, a Vibo Valentia l’incremento più elevato (+44,9%), a Rovigo la diminuzione più consistente (-23%). Notevoli spesso le differenze tariffarie anche fra i singoli capoluoghi di provincia della stessa regione: in Calabria, si va dai 239 euro di Catanzaro ai 443 euro di Reggio Calabria. Quanto a raccolta differenziata, la Calabria si colloca in basso rispetto alla media nazionale: nel 2019, siamo al 47,9% di rifiuti differenziati in regione rispetto al 61,3% del resto del Paese.