Mer 26 Gen 2022
spot_img
HomeSanitàLa sanità lombarda non è un...

La sanità lombarda non è un esempio da seguire come sostiene Occhiuto

Altro che modello lombardo. La sanità territoriale della Regione Lombardia è tutto fuorché un esempio da seguire. Con queste parole Francesco Esposito, segretario nazionale di Fismu-Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti (affiliata Cisl Medici) ha replicato alle dichiarazioni del Governatore della Calabria, Roberto Occhiuto.

Esposito ha sottolineato come proprio in Lombardia il Covid abbia messo a dura prova le cure primarie e territoriali: “La memoria è corta, alcuni dimenticano le migliaia di malati finiti negli ospedali, a intasare i Pronto Soccorso e l’enorme mole di lavoro che hanno dovuto sostenere i medici di famiglia, della continuità assistenziale e del 118. Una situazione figlia di anni di privatizzazioni, di esternalizzazioni dei servizi, di demedicalizzazione delle ambulanze. Di smantellamento del territorio!”.

“Ma non solo – continua il segretario nazionale Fismu – la Calabria ha caratteristiche socio-economiche diverse, una orografia difficile, e problemi vecchi e mai risolti, a partire dal nodo dei trasposti e dei collegamenti. Non si può parlare di importare modelli che non rispondono alla realtà della nostra regione. E oltretutto modelli che non hanno dato buoni risultati in termini di prestazioni e di tutela della salute dei cittadini”.

“Il Governatore parli con i medici – conclude Esposito – con un vero dialogo possiamo affrontare gli enormi problemi della sanità calabrese. Guardi alle esperienze che funzionano sul territorio e le trasformi in best practices, si replichi l’eccellente lavoro di molte Unità di Cure Primarie che sono in prima linea nell’assistenza e anche nella campagna di vaccinazione, punti sulla valorizzazione dei medici, per esempio ascoltando i gravi problemi posti da quelli del 118 e della continuità assistenziale. Preveda risorse e personale per i nostri ospedali e i Pronto Soccorso. Ricostruiamo assieme la rete dei servizi, anche ambulatoriali, sul territorio, cominciando anche dalla medicina dei servizi e della prevenzione. Oggi grande assente in questa pandemia. Facciamo, ripensiamo, costruiamo, invece di scimmiottare modelli fallimentari”