Sab 25 Giu 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàTrent'anni fa la Strage di Capaci,...

Trent’anni fa la Strage di Capaci, studenti di Rende ricordano Giovanni Falcone

Una bomba posizionata all’altezza di Capaci fa saltare in aria l’auto su cui viaggiano il giudice Giovanni Falcone, sua moglie, il magistrato Francesca Morvillo, e quelle degli agenti della sua scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Da quel sabato, caldo proprio come oggi, sono passati trent’anni. Trent’anni in cui scuole di ogni parte d’Italia,  organizzano iniziative in sua memoria.

Questa mattina a Rende (CS) l’Istituto Comprensivo “G. Falcone” onora la memoria dei caduti nella tragica strage di Capaci e promuove una vitalità civile e culturale contro le mafie.

Gli alunni insieme ai docenti condividono, su iniziativa della Dirigente Scolastica, Simona Sansosti, i ricordi di quel 23 maggio di trent’anni fa che scosse l’Italia intera.

 

Antonia Flavio – Marcello Manna

Uno dei momenti più emozionanti della manifestazione la lettura della poesia dedicata al grande uomo giusto, Giovanni Falcone, della scrittrice e poetessa cosentina Antonia Flavio autrice anche de: “La Mia Vita I Miei Amori Racchiusi In Una Poesia” ed “Echi del Mare”.

 

A Giovanni Falcone, di Antonia Flavio

Era un giorno qualunque

di un mese qualunque,

ma tu non eri uno qualunque.

Hai creduto e combattuto

in ciò che credevi,

hai voluto a tutti i costi lottare

contro chi è impossibile sconfiggere.

La tua vita, la vita di chi,

quel giorno era con te

per amore e per dovere,

non esiste più!

Un’esistenza elargita al dovere di

una patria e di una città

che non ti hanno protetto.

Un giorno qualunque

di un mese qualunque

hai dovuto dire addio

ai tuoi ideali.

Un boato, un’enorme esplosione,

Non ti hanno salvato

dalla crudeltà umana.

Un tg qualunque

ha comunicato la triste notizia.

Nello sconforto

è caduto

chi come te credeva che

la mafia sarebbe stata sconfitta:

“Giovanni Falcone, con la

moglie Francesca Morvillo e

I tre uomini della scorta

sono morti”.

La mafia in un giorno qualunque,

di un mese qualunque,

ha vinto di nuovo!

A Giovanni Falcone

Per non dimenticare 23 maggio 1992.