Gio 29 Set 2022
spot_img
HomePoliticaIl Governatore Occhiuto protagonista al Festival...

Il Governatore Occhiuto protagonista al Festival delle Serre

Roberto Occhiuto, Presidente della Regione Calabria, è stato intervistato a Cerisano, nella splendida cornice di Palazzo Sersale, da Riccardo Giacoia.

Ecco alcuni passaggi estratti dall’ora che il Presidente ha trascorso nel maniero ducale cerisanese:

La Sanità

“Le sfide che ci aspettano sono tante: la più complessa e decisiva è quella riguardante la Sanità … La Sanità, ovvero l’ambito più difficile … Una realtà impantanata nei microcentri di potere delle aziende sanitarie, che la rendono un pachiderma difficile da gestire. Gli interventi a essa connessi devono essere strutturali: la costruzione di nuovi ospedali e l’attenzione che stiamo prestando verso le risorse del PNRR hanno queste caratteristiche. Poi stiamo agendo sui conti delle aziende, che abbiamo riconciliato. Certo, lo ripeto, riformare questo sistema è arduo … Al riguardo, findamentale sarà Azienda Zero, ovvero un unico centro amministrativo, che dovrà diventare cervello della sanità regionale … Quello che ci aspetta è un lavoro di riforma, da fare, però, mentre sono in atto le emergenze … È un lavoro titanico che, però, non mi spaventa”.

I medici cubani

“Il reclutamento dei medici cubani non è alternativo ai concorsi. Semplicemente, al cospetto dell’aumento della domanda di medici, che riguarda tutte le regioni, e di fronte a storture generanti deficit strutturali, al fine di garantire il mantenimento dei presidi, ho stipulato un accordo con l’Ente Statale Cubano: si tratta di medici altamente professionalizzati, abituati a lavorare in situazioni critiche, che saranno inseriti gradualmente: i primi arriveranno entro fine settembre. Il ricorso a questi medici, che conoscono le situazioni di emergenza, è un provvedimento preso per evitare di chiudere gli ospedali … È una misura d’emergenza, non strutturale, adottata nell’assoluto interesse dei cittadini. Le polemiche? Una sola vita salvata da un medico cubano è più importante di ogni polemica … Io devo affrontare problemi, denunciare le cose che non funzionano … Il perseguimento di eventuali condotte poco ortodosse riguarda altre figure”.

Le altre sfide

“Altre sfide sono i trasporti, che incidono sul livello dell’offerta turistica, a cui è connessa pure la questione dell’inquinamento dei mari e, quindi, dei depuratori, che abbiamo iniziato ad affrontare con decisione. Certo, non si risolve tutto subito: c’è tanto da fare, a cominciare dai collettamenti, però, intanto, abbiamo iniziato. In ogni caso, per quanto difficili da affrontare, tali questioni sono decisamente più semplici del problema sanitario”.

Niente promesse

“Occorre creare condizioni di sviluppo per il territorio e le potenzialità ci sono, a iniziare dai nostri giovani. Chi fa il mio lavoro non deve promettere: chi fa il mio lavoro deve trovare soluzioni”.

I borghi

“Sui borghi abbiamo raccolto tante istanze, anche nell’ambito del PNRR. La nostra è una regione di cultura … Cultura in larga parte custodita dai nostri borghi: ecco, vorrei che gli attrattori culturali della regione diventino occasioni di sviluppo”.

Il Governo nazionale

“Con quello uscente io ho lavorato benissimo. Adesso, spero che il prossimo Governo abbia la capacità di incidere rispetto alla crescita dei territori”.

Sensazioni

“Quello che sto facendo per la Calabria è un lavoro difficile ma stimolante, copioso di sensazioni che non ho provato neanche a Montecitorio; ecco perché non mi manca la Camera dei Deputati. In verità, regalano molta più adrenalina, molta più soddisfazioni queste sfide”.