Gio 8 Dic 2022
spot_img
HomePoliticaLegge regionale “Moltiplica poltrone”, Tavernise: “Per...

Legge regionale “Moltiplica poltrone”, Tavernise: “Per sistemare chi sta già bene, mentre i calabresi sono in crisi”

“A fare specie in quest’ultimo periodo è il silenzio, pericoloso e imbarazzante, del presidente Occhiuto. Tra una foto in posa con il bergamotto e un video che lo riprende al lavoro, la sua maggioranza, spaccata perché vede la non partecipazione della Lega e il silenzio imbarazzato di Forza Italia, forza in sede di capigruppo ogni procedura legislativa, posta a garanzia dell’efficienza, dell’efficacia e del buon andamento della pubblica amministrazione, per portare subito in aula una legge <porcata>. Legge <porcata>, perché non solo ripresenta evidenze incostituzionali denunciate già nel 2014, ma falsa anche la relazione illustrativa. Presentata come proposta a costo zero per i contribuenti, a conti fatti costerà ai calabresi 145.642,32 €, quale emolumento per ogni nuovo consigliere e circa 232.188,12 €, quale costo per ogni nuova struttura. Una spesa minima, dunque, di 377.830,44 € l’anno per ciascun nuovo consigliere, che potrebbe però essere moltiplicata per tre. Se la matematica non è un’opinione ogni anno i calabresi rischiano di pagare in più, dunque, alla politica regionale 1.133.491,32 euro”. E’ quanto torna a denunciare il capogruppo del M5S in consiglio regionale Davide Tavernise, a proposito della proposta di legge ribattezzata “moltiplica poltrone”.

“Il tutto accade – rimarca Tavernise –  mentre il governo nazionale, nel solito silenzio accondiscendente del nostro governatore, lavora alacremente alla riforma sull’autonomia differenziata fortemente penalizzante per il sud. Di più, mentre la maggioranza pensa a moltiplicare le poltrone, come denunciato dal presidente di Fiaso, Giovanni Migliore, nel 2021 la media nazionale dei medici che hanno lasciato il nostro sistema sanitario è del 2,9%, ma in Calabria la percentuale sale al 3,8%. E come denunciato nell’ultimo report di Bankitalia, le imprese calabresi sono drammaticamente alle prese con gli aumenti di materie prime ed energia, per cui hanno confermato o rivisto al ribasso i piani di investimento. Una situazione di grave crisi sociale ed economica, a cui si aggiungono numerose vertenze aziendali, che porta la Calabria ad essere tra le prime regioni ricorrenti al reddito di cittadinanza”.

In questo contesto – conclude Tavernise – ci si aspetterebbe dalla politica regionale una rottura totale con gli sprechi del passato, invece accanto alle parole, infinite, che non lasciano traccia di concretezza, si moltiplicano le poltrone, per ingiustificabili ragioni di <famiglia>. In attesa di un sussulto d’orgoglio del presidente Occhiuto”.