Lun 15 Lug 2024
spot_img
HomePoliticaTrasporti, M5s: “Il governo in Calabria...

Trasporti, M5s: “Il governo in Calabria punta sulle opere sbagliate”

A che serve collegare Calabria e Sicilia col mega progetto del Ponte sullo Stretto se la viabilità interna alle due regioni di fatto è inesistente? La domanda assume ancora più rilievo nel momento in cui il Governo boccia il tracciato che da Praia a Mare taglia all’interno fino a Tarsia, bloccando ogni prospettiva sull’alta velocità”.

Lo affermano in una nota i portavoce del Movimento 5 stelle eletti in Calabria.

“Non è un mistero – dicono – che l’orografia della nostra regione sia complicata. Ma non riusciamo a scorgere un impegno da parte del ministero ai Trasporti per ovviare a queste problematiche nel tentativo di far diventare la Calabria una regione normale. I dati in nostro possesso parlano chiaro: per la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina servono 12,5 miliardi.

La Regione Sicilia contribuirà con il 10% del totale, 1 miliardo presi dai fondi sviluppo e coesione 2021-2027 e 200 milioni da quelli 2014-2020 (cioè fondi estrapolati dai Por con tutto ciò che significa: meno bandi, meno interventi sul sociale). È probabile, a questo punto, che venga ripetuta in Calabria una operazione simile.

“Opere lontane anni luce dalle reali esigenze dei calabresi”

La Salerno-Reggio Calabria, 207 km di ferrovia ad alta velocità, costerebbe più o meno la stessa cifra del Ponte, 12-13 miliardi. Al momento però sono previsti solo i 2 miliardi per il primo lotto Battipaglia Romagnano, presi dai fondi del Pnrr, con un impegno a fare il raddoppio della galleria Santomarco tra Paola e Cosenza sebbene non esista alcun programma di investimento per la realizzazione dell’opera.

Il che – continuano gli esponenti pentastellati – pregiudica anche il futuro del porto di Gioia Tauro: senza alta velocità e senza passaggio di merci da Tarsia per l’Adriatica il porto resterebbe solo di transhipment e l’occupazione limitata alla sola area del porto escludendo ogni prospettiva di sviluppo per la Calabria.

Non vogliamo entrare nel dibattito su quale sia il miglior tracciato per l’alta velocità ferroviaria ma è necessario sottolineare che il servizio attualmente offerto agli utenti diventa ogni giorno più scadente. Caso emblematico il tempo di percorrenza del Frecciargento Reggio Calabria-Roma che ha subito un aumento di ben 20 minuti.

Siamo convinti che – conclude la nota – il governo e il ministro Salvini stiano puntando su opere sbagliate, lontane anni luce dalle reali esigenze dei cittadini calabresi e dalle strategie di rilancio del Sud che passano, senza ombra di dubbio, da una migliore rete di trasporti che possa rendere i collegamenti con il resto del Paese e dell’Europa efficienti e concretamente funzionali”.