Operazione dei Carabinieri nel reggino, 31 fermi

carabinieri-corigliano-tribunale-castrovillari
Pubblicità

Alle 11 di questa mattina, presso il Comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria, sono stati resi noti tutti i particolari della vasta operazione di questa notte condotta dall’Arma dei Carabinieri, coordinata dalla Dda reggina, per l’esecuzione di un provvedimento di fermo nei confronti di 31 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, tentato omicidio, estorsione, porto e detenzione di armi, danneggiamento e altri reati. Secondo gli inquirenti sono state disarticolate due pericolose cosche della ‘ndrangheta di Rosarno, entrambe dedite alle estorsioni e all’importazione di quintali di cocaina purissima dal Sudamerica e di hascisc dalla Spagna e dal Marocco, destinate a piazze di spaccio in Lombardia, Piemonte e Sicilia. Dalle indagini è emersa anche la violenta contrapposizione fra i due gruppi, entrambi intenzionati ad imporsi sulla scena criminale di Rosarno e ad acquisire il controllo mafioso del territorio con intimidazioni, danneggiamenti e agguati con armi da fuoco ed esplosivo. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati fucili mitragliatori, pistole, svariati chilogrammi di hascisc e marijuana e migliaia di euro in contanti.

Stefania Belvedere

Pubblicità