Sanità, Tar Lazio da ragione ad aspirante medico specializzanda di Catanzaro

17
ricorso accolto dal Tar Lazio per medico di Catanzaro
ricorso accolto dal Tar Lazio per medico di Catanzaro

Lunedì 13 maggio il TAR Lazio, Roma ha emesso, in fase cautelare, l’ordinanza con cui ha riammesso all’amministrazione la possibilità di assegnare in via straordinaria il medico (una giovane catanzarese) che ha partecipato al concorso per l’assegnazione alle scuole di specializzazione di medicina e chirurgia. L’otto maggio gli avvocati Umberto Frangipane e Fabiola Lacroce hanno discusso il ricorso relativamente alla questione dell’ammissione straordinaria dei candidati esclusi alla procedura selettiva suddetta.
Significativi alcuni passaggi del provvedimento giudiziario del Tar laziale: ”ritenuta meritevole di considerazione la segnalata carenza di personale medico specializzato, con conseguente anche pubblico alla massima possibile copertura dei posti disponibili (…) dispone il motivato riesame dell’amministrazione in ordine ai tempi utili e alle modalità di riassegnazione in via eccezionale e presumibilmente una tantum dei posti programmati e finanziati, rimasti liberi nelle scuole di specializzazione “. I legali si considerano soddisfatti del risultato raggiunto: “L’obiettivo era garantire non solo la tutela dell’interesse della nostra assistita (e, dunque, quello personale del ricorrente), ma l’efficienza del sistema sanitario nazionale che, annualmente, si vede costretto ad avvalersi di un numero di unità di medici specializzati inferiore al fabbisogno generale “.

Pubblicità