Fondi russi alla lega, indagato anche un avvocato cosentino

134
gianluca meranda
Pubblicità

Ci sarebbe anche un avvocato di origini cosentine tra gli indagati sui “Fondi Russi alla Lega”. Fa un passo avanti l’inchiesta e si estende ad altri protagonisti del meeting dello scorso ottobre all’hotel Metropol di Mosca.

Oggi infatti la Guardia di finanza, su delega dei pm Sergio Spadaro e Gaetano Ruta e del procuratore aggiunto Fabio De Pasquale, hanno perquisito gli altri due italiani che oltre a Gian Luca Savoini, il presidente dell’associazione Lombardia-Russia che risponde di corruzione internazionale, erano presenti al meeting nell’albergo di lusso moscovita. Le Fiamme Gialle si sono presentate a casa e in un deposito dove Gianluca Meranda, legale cosentino, ha trasferito i suoi documenti. Nel corso del blitz, avvenuto alla presenza del pm Ruta e di un esponente del’Ordine degli avvocati capitolino gli è stata notificata una informazione di garanzia.

L’inchiesta della Procura di Milano con al centro la trattativa italo-russa sulla presunta compravendita di tre milioni di tonnellate di petrolio che, secondo l’ipotesi, avrebbe dovuto far confluire  alla Lega 65 milioni di dollari. Trattativa poi sfumata ma che è stata registrata in diretta da uno sconosciuto.

Advertisement
Web Hosting