Casa delle Culture, rassegna cinematografica dedicata ai bambini

19
Pubblicità

E’ il cinema di animazione a farla da padrone nella rassegna cinematografica dedicata ai bambini, in programma da lunedì 29 luglio alla Casa delle Culture per iniziativa dell’Associazione culturale “Cosenza Autentica” e con il patrocinio dell’Assessorato alla comunicazione, turismo e marketing territoriale del Comune di Cosenza, guidato da Rosaria Succurro.

“Per 4 giorni di seguito – sottolinea l’Assessore Succurro – fino a giovedì 1° agosto, con una doppia programmazione quotidiana, sarà possibile immergersi nel meglio del cinema animato degli ultimi anni. Abbiamo sposato l’iniziativa di “Cosenza Autentica” perché riteniamo, così come abbiamo fatto insieme in altri periodi dell’anno, che, soprattutto in estate, è importante pensare anche a quei bambini che restano in città per i più diversi motivi. A loro vogliamo regalare (la rassegna è ad ingresso gratuito) momenti di spensieratezza a contatto diretto con i protagonisti di quelli che un tempo erano chiamati  cartoni animati e che oggi, grazie alle nuove tecnologie, rappresentano gli eroi di un cinema d’animazione sempre di più all’avanguardia”.

Ad aprire la rassegna sarà, alle ore 9,30 di lunedì 29 luglio “La Principessa e il ranocchio” di  John Musker e Ron Clements, produzione di casa Disney con un occhio al rinnovamento e con un altro rivolto al passato. Non a caso si torna ai disegni fatti a mano, ai fratelli Grimm e ad un’ambientazione in parte metropolitana, a New Orleans, in piena età del jazz, abitata da esseri umani, e in parte più fiabesca, immersa nella natura, in quel regno animale che da sempre ha qualcosa da insegnare al primo, in termini di verità, di libertà, di collaborazione. Sempre il 29 luglio, ma alle ore 11,00, la rassegna cinematografica dedicata ai bambini proseguirà con “Planes” di  Klay Hall, una commedia avventurosa ricca di azione e di ironia, grande successo della stagione cinematografica 2013. E’ la storia, alquanto paradossale, di Dusty, piccolo aereo agricolo, costruito per irrorare i campi del Midwest americano, ma con un sogno più grande di lui: partecipare alle gare ad alta quota come aereo da competizione. Peccato che soffra di vertigini!

Il 30 luglio i bambini che si recheranno alla Casa delle Culture potranno assistere, alle 9,30, alla proiezione di un classico del cinema d’animazione italiano, “La Gabbianella e il Gatto”, di Enzo D’Alò, tratto dal libro dello scrittore cileno Luis Sepulveda “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”. Datato 1998, il film ha avuto una sua seconda vita nel marzo di quest’anno quando è tornato, a distanza di più di vent’anni, nelle sale cinematografiche. La storia è arcinota e racconta del gatto Zorba che si impegna solennemente a far crescere una gabbianella rimasta orfana. Con i suoi amici gatti cerca di capire come insegnarle a volare: l’impresa è resa più difficile dalla presenza dei Topi in città, capitanati da un Re minaccioso. Unica eccezione ai films di animazione proposti dalla rassegna della Casa delle Culture, è “Belle e Sebastien”, del regista francese Nicolas Vanier (sempre il 30 luglio, ma alle 11,00). Ambientato sulle Alpi francesi durante la seconda guerra mondiale, il film racconta la storia dell’orfanello Sebastien e del suo cane Belle, impegnati nell’impresa di portare in salvo una famiglia di fuggitivi inseguiti dai militari tedeschi.

Si torna al cinema di animazione con la programmazione di mercoledì 31 luglio che sarà aperta, alle 9,30, da “Up”, di Pete Docter e Bob Peterson. Il film narra di un anziano signore (Carl Fredricksen) che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell’età. Quando, a 72 anni, la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno, bussa alla sua porta Russell, un boyscout di 8 anni che deve fare la sua buona azione. Sarà con lui che Carl Fredricksen intraprenderà il viaggio dei suoi sogni in Sudamerica, dove incontreranno animali selvaggi e persino degli inaspettati nemici. A completare le proiezioni del 31 luglio, alle ore 11,00, “The Big Hero 6”, di Don Hall e Chris Williams, film tra il fantascientifico e l’azione di cui sono protagonisti un bambino prodigio, i suoi amici ed un fido robot che si trasformano in eroi tecnologici per salvare la città da una serie di eventi devastanti. Ultimi due titoli in programmazione, giovedì 1° agosto, “Ratatouille” (ore 9,30) e “The Lego movie” (ore 11,00). Il primo, diretto da Brad Bird e Jan Pinkava, è la storia di  Remy, un topolino parigino, che sogna di diventare un grande chef per poter proporre a tutti le sue prelibate ricette. Quando finisce nel seminterrato di uno dei ristoranti più rinomati della città, il roditore decide di rimanerci e imparare a cucinare. Al centro di “The Lego Movie” c’è, invece, il personaggio di Emmet, un comunissimo omino Lego, erroneamente ritenuto dotato di poteri straordinari in grado di salvare il mondo da un’imminente apocalisse: dovrà quindi partire con una compagnia di sconosciuti nel tentativo di bloccare un malvagio tiranno, viaggio per cui sarà drammaticamente e comicamente impreparato. 

Advertisement
Web Hosting