Mar 2 Giu 2020
Advertising
Home Cronaca Traversata dello Stretto: vittoria dedicata al...

Traversata dello Stretto: vittoria dedicata al carabiniere ucciso a Roma

- Advertisement -

Ha attraversato lo Stretto in 56 minuti, 53 secondi e 32 centesimi Pasquale Sanzullo, primo fra gli ottanta atleti che hanno sfidato le correnti della 55^ edizione della Traversata dello specchio di mare che separa Calabria e Sicilia. La lunga nuotata è stata accompagnata da condizioni meteo favorevoli, cielo azzurro ed un leggero vento di maestrale.
Pasquale Sanzullo, del Centro sportivo carabinieri e vincitore della competizione, ha voluto dedicara la sua vittoria alla memoria del collega Mario Circiello Rega, ucciso a Roma qualche giorno fa da un giovane turista americano.
Secondo posto per Simone Ercoli del Gruppo Sportivo “Fiamme oro” (57 minuti, 5 secondi e 72 centesimi), arrivato pochi istanti dopo nel corridoio finale creato, quest’anno, nel porticciolo turistico di Villa San Giovanni. Sul gradino più basso del podio Manuel Taiani del Cus Salerno Asd (con il tempo di 57 minuti, 33 secondi e 97 centesimi)
“Non è una gara, è un’emozione”, questo lo slogan che ha accompagnato la competizione arrivata alla 60^ edizione, diventata tradizione non solo per gli sportivi, ma anche per gli spettatori che, con il fiato sospeso, hanno seguito la performance dalle due rive opposte di Calabria e Sicilia.
Una gara mozzafiato alla quale la Fin ha riconosciuto un valore storico riservato solo a dieci gare in tutto il paese